Allarme rosso estremo per gli incendi in California

0
144

Allarme rosso estremo nel sud della California dove, a causa degli incendi boschivi, centinaia di migliaia di persone hanno dovuto abbandonare le loro abitazioni davanti alle fiamme che divorano porzioni rilevanti delle contee di Los Angeles, Ventura e San Bernardino. Alberi e case vanno in fumo come fiammiferi. Milioni di persone sono toccate in vario modo da un disastro ambientale che per tanti risale alle convulsioni climaiche planetarie.

Una allerta così non si era mai vista

È la prima volta che viene diramata questo tipo di allerta che si è resa necessaria a fronte dei blackout a raffica, la distruzioni di case ed edifici, la devastazioni per migliaia e migliaia di ettari. In previsione di venti che raggiungerano quasi i 130 km l’ora tutti gli abitanti delle zone interessate han fatto le valige perchè potrebbero essere improvvisamente evacuati. I vigili del fuoco, giunti anche da altre parti degli States, sono incessantemente al lavoro ma intanto per affrontare le fiamme si adoperano tutti gli strumenti possibili.

Grave stato di emergenza

A dichiarare lo stato d’emergenza è stato il governatore della California, Gavin Newsom che ha sottolineato i progressi fatti in queste ore: Il 15% di questi incendi è domato ma questo non significa che l’85% è fuori controllo. Sulla porzione del 15% siamo sicuri al cento per cento che le fiamme non si diffonderanno più. Adesso il grande problema è il vento, quello di questi giorni è il vento più forte dell’anno a Los Angeles.

Le dimensioni del disastro

Lascia un commento