Confini marittimi: L’accordo tra Libia e Turchia preoccupa la Grecia

0
82

Rispondere all’accordo sulle frontiere marittime tra Turchia e Libia che preoccupa la Grecia – è il compito dei ministri degli esteri dell’Ue riuniti a Bruxelles. Occhi puntati su Jospeh Borrell per capire quali strategie abbia in mente. Il 72enne spagnolo è il nuovo capo degli affari esteri dell’UE e presiederà questi incontri per i prossimi 5 anni.

“Abbiamo dovuto affrontare un protocollo d’intesa firmato tra la Libia e la Turchia. È chiaro che questo documento suscita grande preoccupazione. Abbiamo espresso la nostra solidarietà alla Grecia e a Cipro e continueremo a farlo”ha affermato Joseph Borrell.

Paesi come la Grecia e Cipro, ritengono l’accordo sia contrario al diritto internazionale.

“Ho chiesto la condanna esplicita dell’accordo, la previsione di un quadro di sanzioni eventualmente per la Turchia e il governo di Tripoli qualora non rispettassero il diritto internazionale, e, naturalmente, il sostegno dell’Ue alla Grecia e a Cipro” ha affermato Nikos Dendias, ministro degli affari esteri della Grecia.

I ministri degli esteri hanno anche discusso di un piano tedesco per trovare una soluzione sostenibile all’instabilità in Libia. Per la ONG Amnesty International, è responsabilità di Joseph Borrell porre fine alle violazioni dei diritti umani nel paese.

“La stabilità a lungo termine in Libia richiede giustizia, responsabilità e rispetto dei diritti umani al primo posto. Altrimenti, questa sarà una crisi ricorrente che continuerà per tutto il periodo di Borrells e oltre” ha spiegato Eve Geddie di Amnesty International .

Le Ong continueranno a mantenere gli occhi aperti sull’Ue sulla questione della Libia

“Credo che dovremmo essere in grado di fare di più in Libia. Non possiamo pretendere di avere un potere geopolitico se non riusciamo neanche a risolvere i problemi nel nostro vicinato immediato” ha dichiarato Joseph Borrell in conferenza stampa.

Lascia un commento