Piacenza, il quadro ritrovato corrisponde al “Ritratto di signora” di Gustav Klimt

0
72

Durante una conferenza stampa presso la sede della Banca d’Italia di Piacenza è stato confermato che il quadro ritrovato lo scorso dicembre è il famoso “Ritratto di signora” di Gustav Klimt, che era stato rubato nel febbraio del 1997 dalla Galleria d’arte moderna Ricci Oddi di Piacenza. Lo hanno stabilito i periti incaricati dalla Procura di Piacenza dopo aver analizzato il quadro per un mese. Il quadro era stato ritrovato da alcuni giardinieri proprio nella Galleria, in “un’intercapedine chiusa da uno sportello, all’interno della quale c’era un sacco, con dentro il quadro”, avevano scritto i giornali, ma non c’era la sicurezza che si trattasse del quadro di Klimt originale.

Al momento non si sa come sia avvenuto il furto, né chi sia stato a rubare il quadro. È possibile, come aveva scritto Repubblica al momento del ritrovamento, che i ladri abbiano nascosto il quadro nell’intercapedine sul muro esterno «per poi recuperarlo qualche giorno dopo. Poi, però, forse anche per l’attenzione mediatica e la sorveglianza delle forze dell’ordine, non ci sono riusciti». All’epoca del furto le prime indagini si concentrarono sui custodi della galleria, ma non andarono da nessuna parte. Negli anni sono state fatte le ipotesi più bizzarre, da una “pista esoterica” secondo cui il quadro sarebbe stato rubato da una setta satanica, a quella secondo cui alcuni trafficanti lo avessero scambiato per droga e diamanti.

Gustav Klimt, nato il 14 luglio 1862 a Baumgarten, vicino a Vienna, e morto il 16 febbraio 1918 a causa di un’infezione polmonare, è considerato uno dei più importanti artisti della corrente d’arte simbolista e fu uno dei fondatori della Secessione viennese, un movimento nato a Vienna alla fine dell’Ottocento da pittori, architetti e scultori, che voleva portare l’arte al di là dei confini posti dall’accademia.

Lascia un commento