Roma, evacuato un palazzo vicino al Colosseo

0
39

l forte odore di gas avvertito ieri mattina, gli zampilli d’acqua a bucare l’asfalto, poi la crepa diventata voragine questa mattina, quando alle 9,45 i vigili del fuoco hanno deciso di evacuare un intero palazzo a pochi passi dal Colosseo, al civico 20 di via Marco Aurelio. Ventiquattro appartamenti, tra cui due bed & breakfast, una casa vacanza e uno studio medico con due interni, uno studio di produzione cinematografica e un centro di osteopatia, sono stati liberati dai vigili del fuoco che per tutta la notte hanno lavorato sul posto, chiamati dagli inquilini preoccupati prima per il forte odore di gas poi per l’acqua in strada già nelle prime ore della notte scorsa.

“Stanotte, quando sono rientrata dal lavoro intorno all’una, usciva l’acqua dal marciapiede vicino al portone, proprio dove passa il gas – ha raccontato all’Adnkronos Anna Plesa – Ho chiamato i vigili del fuoco e hanno lavorato tutta la notte. La voragine in parte già si era formata ma stamattina si è allargata a dismisura“. A causare il cedimento del marciapiede, e da quella le crepe fino all’altro capo della carreggiata all’angolo con via Ostilia, sarebbe stata – secondo un primo sopralluogo – la rottura di una conduttura del gas conseguente allo smottamento del terreno dopo una perdita d’acqua.

Un problema, quello degli allagamenti, non nuovo per il palazzo evacuato: “Sono anni che inviamo lettere ‘informali’ al Comune, al Municipio, alla Polizia Locale per segnalare chiazze di umidità sui muri esterni, perdite e avvallamenti del marciapiedi – ha spiegato l’architetto Paolo Gelsomini, inquilino al secondo piano del palazzo e presidente dell’associazione Progetto Celio – Nessuno ha però fatto nulla”.

Intanto agli inquini evacuati è stata garantita una sistemazione “grazie a un accordo che è stato fatto con Federalberghi a tutte le persone che hanno bisogno di assistenza alloggiativa” come ribadito dal sindaco Virginia Raggi intervenuta sul posto nella tarda mattinata. “Domani la protezione civile tornerà sul posto per delle ispezioni georadar” annuncia l’amministratore di condominio Daniele Sergi.

Lascia un commento