Coronavirus: Musumeci, stop allo sbarco dalla Msc a Messina

0
94

“Valutare se impedire lo sbarco a Messina dei 2.250 passeggeri della nave da crociera Opera della Msc, per contenere il diffondersi del coronavirus”. Lo ha chiesto, all’Unità di crisi nazionale, la Protezione civile della presidenza della Regione siciliana, su disposizione del governatore Nello Musumeci. L’imbarcazione, già rifiutata da Malta, è appena approdata nella città dello Stretto. “Non conoscendo la situazione sanitaria a bordo – dice Musumeci – bisogna garantire utili misure sanitarie”

Intanto turisti italiani ancora nel mirino dei Paesi stranieri per il rischio Coronavirus: dopo Phuket, in Thailandia, anche Penang, in Malesia, ha negato l’attracco alla nave da crociera Costa Fortuna. La nave con a bordo 173 connazionali, tutti in buona salute, sta facendo ora rotta verso Singapore. Sotto osservazione in particolare 64 passeggeri, quelli che hanno trascorso le ultime due settimane in Italia.  “La situazione sanitaria a bordo – precisa Costa in una nota – non presenta alcuna criticità e non ci sono casi sospetti fra gli ospiti italiani o di altre nazionalità. Costa Crociere e’ ovviamente rammaricata per questa decisione inattesa che richiede una ulteriore modifica all’itinerario della nave”. La società sottolinea infine come “in uno scenario in continua evoluzione, la tutela della salute e della sicurezza dei propri ospiti e’ una priorità assoluta”.

La nave da crociera Grand Princess, bloccata al largo della California dal 4 marzo, sarà dirottata su un porto non commerciale questo weekend e lì i 3.533 passeggeri e l’equipaggio saranno sottoposti al test del coronavirus dopo che 21 sono risultati contagiati. Lo ha annunciato il vice presidente americano Mike Pence, commissario straordinario per l’emergenza.

Ieri sera, le Maldive, “nell’ambito delle misure adottate per la prevenzione del contagio da Covid-19, hanno annunciato il divieto di ingresso per i viaggiatori provenienti dall’Italia a partire dalla mezzanotte di sabato 7 marzo”. E’ quanto si legge sul sito Viaggiare Sicuri curato dalla Farnesina. Le autorità locali, secondo quanto riferito, “hanno disposto inoltre il divieto di sbarco per le navi da crociera”.

Paura rientrata invece a Napoli dove un’altra motonave, la Majestic della compagnia Gnv, con a bordo 125 persone tra equipaggio e operai, è da un paio di giorni ancorata nel porto del capoluogo partenopeo. A bordo ci sono nove marinai entrati in contatto con un collega tunisino risultato positivo al virus nel corso di un viaggio tra Genova e Tunisi. Le autorità sanitarie li hanno sottoposti a controlli escludendo la presenza di sintomi da Covid 19. Sono stati tuttavia sottoposti in via precauzionale a isolamento per i prossimi dieci giorni.Via libera degli uffici sanitari, invece, per gli oltre cento componenti dell’equipaggio che potranno lasciare la nave. “I nove membri dell’equipaggio della Gnv Majestic stanno bene, non hanno sintomi, sono solo in isolamento precauzionale”, afferma Antonio Salzano, capo dell’ufficio Sanità Marittima di Napoli. “Non hanno sintomi e al momento non gli abbiamo fatto il tampone. Li abbiamo messi in isolamento per precauzione”. Per la nave – si precisa dalla compagnia armatrice, la Gnv con sede a Genova – la sosta a Napoli era già prevista per consentire ordinari lavori di manutenzione. Motivo per cui non si può parlare tecnicamente di blocco.

Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha annunciato “controlli sanitari mirati” al confine con l’Italia. Inoltre, saranno interrotti i voli diretti dall’Austria verso gli aeroporti di Milano e Bologna. “La situazione è peggiorata in Iran, in Corea del Sud e in alcune regioni dell’Italia”, ha detto Kurz in una conferenza stampa. I controlli medici per le persone che entrano in Austria saranno effettuati su ordine dell’autorità sanitaria. Saranno stabiliti eventuali contatti con malati covid-19 e sarà rilevata la temperatura corporea. “Se necessario, tali misure saranno attuate dalla polizia con mezzi coercitivi”, in base al regolamento del ministero, scrive l’agenzia Apa.

Alla Costa Mediterranea a cui è stato impedito dal Madagascar lo scalo previsto a Nosy Be, è stato vietato l’attracco anche dalle Seychelles. “Non ci sono casi sospetti tra i passeggeri e i membri dell’equipaggio”. La Thailandia ha imposto restrizioni a causa del coronavirus allo sbarco di italiani che siano stati nel nostro Paese negli ultimi 14 giorni. La nave è ripartita verso la Malesia. In una nota Costa Crociere si dice rammaricata dall’improvviso cambiamento di itinerario e conferma che la sicurezza dei propri ospiti e membri dell’equipaggio è una assoluta priorità.

Le navi si confermano possibili focolai del virus: le autorità egiziane hanno annunciato di aver individuato 12 casi di coronavirus tra le persone (tutti egiziani) a bordo di una delle navi che effettuano crociere sul Nilo.

In Liguria intanto sono iniziate le operazioni di trasferimento dei 65 membri dell’equipaggio della motonave della Gnv Rhapsody che da alcuni giorni sono in isolamento fiduciario obbligatorio a bordo. I marittimi andranno in due strutture genovesi individuate dalla Protezione Civile e dalla Task Force sanitaria per l’emergenza Coronavirus.

Lascia un commento