Favipiravir, il farmaco sviluppato in Giappone da Toyama Chemical contro il Coronavirus

0
459

Favipiravir, noto anche come T-705, Avigan o favilavir è un farmaco antivirale sviluppato da Toyama Chemical (gruppo Fujifilm ) del Giappone con attività contro molti virus RNA . Nel febbraio 2020 Favipiravir veniva studiato in Cina per il trattamento sperimentale della malattia emergente COVID-19 (romanzo coronavirus) . Il 17 marzo si è rivelato efficace nel trattamento dell’infezione in due studi a Wuhan e Shenzhen. Come alcuni altri farmaci antivirali sperimentali (T-1105 e T-1106), è un derivato della pirazinecarbossammide. Favipiravir è anche attivo contro virus influenzali , virus del Nilo occidentale , virus della febbre gialla, virus dell’afta epizootica e altri flavivirus , arenavirus, bunyavirus e alphavirus . È stata anche dimostrata l’attività contro gli enterovirus e il virus della febbre della Rift Valley .Favipiravir ha dimostrato un’efficacia limitata contro il virus Zika negli studi sugli animali, ma è stato meno efficace di altri antivirali come MK-608 . L’agente ha anche mostrato una certa efficacia contro la rabbia , ed è stato usato sperimentalmente in alcuni umani infetti dal virus.

Si ritiene che il meccanismo delle sue azioni sia correlato all’inibizione selettiva dell’RNA polimerasi RNA-dipendente virale . Altre ricerche suggeriscono che favipiravir induce mutazioni letali di trasversione dell’RNA, producendo un fenotipo virale non vitale. Favipiravir è un profarmaco che viene metabolizzato nella sua forma attiva, favipiravir-ribofuranosil-5′-trifosfato (favipiravir-RTP), disponibile in formulazioni sia orali che endovenose. Si ritiene che l’ ipossantina umana guanina fosforibosiltransferasi (HGPRT) svolga un ruolo chiave in questo processo di attivazione. Favipiravir non inibisce la sintesi di RNA o DNA nelle cellule di mammifero e non è tossico per loro. Nel 2014, favipiravir è stato approvato in Giappone per lo stoccaggio di pandemie influenzali .Tuttavia, favipiravir non ha dimostrato di essere efficace nelle cellule primarie delle vie respiratorie umane, mettendo in dubbio la sua efficacia nel trattamento dell’influenza.

Lascia un commento