La crisi del Libano peggiora: dalle uccisioni in piazza alla vendita di mobili per comprare il cibo

0
84

Il catastrofico crollo economico del Libano sta prendendo piede, con la sua valuta che perde valore giornalmente, i prezzi degli alimenti essenziali fuori dalla portata per via di una classe dirigente che protegge ancora oggi un rotto sistema.

Il crollo del paese ha portato a triplicare i prezzi della carne e del pollo negli ultimi quindici giorni e la scarsità di carburante e farina – amplificata dalla vendita di forniture sovvenzionate dallo Stato alla vicina Siria, dove ottengono un prezzo migliore per essa e aumentando drasticamente la fame.

I libanesi ordinari hanno fatto ricorso alla vendita di mobili per raccogliere abbastanza denaro per comprare cibo. Le catene di negozi al dettaglio hanno chiuso in massa durante la settimana e quasi tutti gli hotel del paese rimangono chiusi – le speranze di un picco del turismo estivo sono state deluse dalla pandemia di Covid-19 e dalle crescenti paure sulla sicurezza in tutto il paese.

Due uomini si sono uccisi venerdì, apparentemente spinti alla disperazione dalla crisi. I leader civici e due membri di una squadra che hanno condotto colloqui con il Fondo Monetario Internazionale nel tentativo di introdurre miliardi di dollari in aiuti globali, affermano che le reti di patrocinio che hanno guidato il governo e arricchito i suoi leader sono considerate più preziose della salvaguardia del paese stesso .

La revisione dei sistemi di patrocinio che hanno radicato i signori della guerra alla fine di un conflitto di 15 anni e hanno trasformato tutte le istituzioni statali in feudi, è stata una richiesta centrale dell’FMI e della comunità internazionale. Come ostacolare le ferite sembra ovvio a coloro che sono scesi in piazza lo scorso ottobre, chiedendo una revisione di un sistema malato, che ha indebolito il paese rafforzando la corruzione diffusa, negando loro opportunità di merito e trasformando i cittadini in soggetti.  

Il crollo precipitoso nella valuta locale, la lira, è continuato senza sosta anche nella giornata di ieri, raggiungendo da 10.000 a un dollaro USA, rispetto al tasso ancorato di 1.500 al dollaro, che era stato fissato dal 1991. “Ho cambiato i prezzi dei codici a barre tre volte questa settimana da solo”, ha dichiarato Chantelle AbuZeid, un negoziante nel sobborgo di Sinir al-Fiel a Beirut. “Questo è tutto ciò che faccio, perché nessuno sta comprando.” Una preoccupazione crescente è che il crollo della valuta non ha fondamento, perché nulla può generare fiducia nell’economia in rovina. 

 

Lascia un commento