Analisi del DNA, 800 anni fa gli indigeni americani hanno avuto contatti con i polinesiani

0
160

Secondo nuovi studi indigeni americani e polinesiani hanno colmato vaste distese di mare aperto intorno al 1200 e si sono mescolati, lasciando prove schiaccianti del loro incontro nel DNA delle popolazioni odierne. Non è ancora noto se i popoli di quella che è oggi la Colombia o l’Ecuador si siano spostati per migliaia di chilometri verso piccole isole nel mezzo del Pacifico, o se i polinesiani marinari navigassero verso il Sud America per poi tornare nuovamente indietro.

Ciò che è certo, secondo uno studio di “Nature”, è che ha avuto luogo centinaia di anni prima che gli europei mettessero piede in entrambe le regioni e lasciassero tracce di DNA appartenenti a individui sparsi in quella che divenne successivamente la Polinesia francese. “Questi risultati cambiano la nostra comprensione di uno dei capitoli più sconosciuti nella storia delle grandi espansioni continentali della nostra specie”, ha detto all’AFP Andreas Moreno-Estrada, ricercatore principale presso il National Laboratory of Genomics per la biodiversità.

Gli archeologi e gli storici hanno litigato per decenni sul fatto che gli isolani e i nativi americani abbiano attraversato percorsi durante il Medioevo. Nel 1947, l’esploratore e scrittore norvegese Thor Heyerdahl arrivò al punto di costruire una zattera primitiva – che chiamò Kon-Tiki e utilizzò per navigare dal Perù per circa 7.000 km per 101 giorni prima di giungere alle Isole Tuamotus nella Polinesia francese. A quanto pare, questa è una delle isole in cui sono comparsi frammenti di DNA del Nuovo Mondo.

Heyerdahl era convinto che la gente del Perù avesse popolato le remote isole del Pacifico e voleva dimostrare che era possibile. Ma ha capito solo a metà, a quanto pare. “È più probabile che i polinesiani abbiano raggiunto le Americhe, data la loro tecnologia di viaggio e la dimostrata capacità di attraversare migliaia di miglia di oceano aperto”, ha detto all’autore principale Alexander Ioannidis, ricercatore presso la Stanford University, AFP.

Viaggiando in canoe sporgenti, i polinesiani stabilirono insediamenti in una vasta area all’interno di un triangolo formato dalle Isole Hawaii, dall’Isola di Pasqua e dalla Nuova Zelanda.

Per cercare possibili punti di convergenza, i ricercatori hanno raccolto dati genetici da 15 gruppi di nativi americani lungo la costa del Pacifico del Sud e del Centro America e da 17 isole polinesiane – più di 800 individui in tutto. “Abbiamo cercato lunghe sequenze di DNA con esattamente lo stesso codice”, ha dichiarato Ioannidis. L’incontro con gruppi indigeni in Colombia ed Ecuador è stato innegabile, confermato sia dai metodi statistici tradizionali, sia dalle nuove tecniche di apprendimento automatico dei “big data”.

Il materiale genetico ha anche rivelato i tempi dell’incontro. Con le generazioni successive, il DNA ereditato da ciascun genitore subisce una “ricombinazione”, per cui pezzi di DNA della madre e del padre vengono spezzati e fusi insieme. “Misurando la lunghezza dei piccoli pezzi di DNA dei nativi americani nei polinesiani, possiamo stimare quante generazioni fa è avvenuto il contatto.” La data che è emersa è stata del 1200, all’epoca in cui Gengis Khan invase la Cina e le crociate saccheggiarono Costantinopoli.

Tra i vecchi articoli di credenza smantellati dalle nuove scoperte vi è la tesi secondo cui Rapa Nui – meglio conosciuta come Isola di Pasqua – fu il primo luogo in cui le due culture si trovarono letteralmente faccia a faccia. Nuovi metodi computazionali aiuteranno scienziati e studiosi a scoprire storie precedentemente inaccessibili del passato, ha affermato Moreno-Estrada. “Gran parte della storia ha fatto affidamento su resoconti scritti, che sono generalmente controllati e focalizzati su coloro che governano”, ha detto. “La genetica e la scienza dei dati ci stanno ora permettendo di raccontare storie forse ancora più incredibili – e non meno vere – del resto dell’umanità”.

Lascia un commento