Disturbi cerebrali per i guariti dal coronavirus: un fenomeno chiamato encefalomielite acuta disseminata (Adem)

0
109

Alcuni scienziati e virologi hanno evidenziato come il coronavirus possa procurare anche dei danni cerebrali nel momento in cui la malattia si sviluppa in forma lieve. Si tratta di disturbi gravi e potenzialmente fatali. A questo proposito diversi neurologi hanno pubblicato dei dettagli di oltre 40 pazienti del Regno Unito che hanno avuto il virus, le cui complicanze andavano dall’infiammazione cerebrale fino al delirio mentale, arrivando infine all’ictus.

In alcuni casi, il problema neurologico era il primo e principale sintomo del paziente. I casi, pubblicati sulla rivista “Brain”, hanno rivelato un aumento di una condizione pericolosa per la vita chiamata encefalomielite acuta disseminata (Adem), mentre la prima ondata di infezioni colpiva la Gran Bretagna. All’Istituto di Neurologia dell’UCL, i casi di Adem sono aumentati da uno al mese prima della pandemia a due o tre alla settimana in aprile e maggio.

Una donna, che aveva 59 anni, morì per complicazioni al cervello dopo aver contratto il coronavirus. Una dozzina di pazienti aveva un’infiammazione del sistema nervoso centrale, 10 avevano una malattia del cervello con delirio o psicosi, otto avevano ictus e altri otto avevano problemi ai nervi periferici, per lo più diagnosticati come sindrome di Guillain-Barré, una reazione immunitaria che attacca i nervi e provoca paralisi . È fatale nel 5% dei casi.


“Stiamo vedendo cose nel modo in cui Covid-19 colpisce il cervello che non abbiamo mai visto prima con altri virus”, ha affermato Michael Zandi, autore senior dello studio e consulente presso l’istituto e la fondazione NHS dell’University College London Hospitals fiducia. “Quello che abbiamo visto con alcuni di questi pazienti Adem e in altri pazienti è che puoi avere una neurologia grave, puoi essere abbastanza malato, ma in realtà hai una banale malattia polmonare”, ha aggiunto.

Alcuni pazienti rimangono con disabilità a lungo termine, altri possono fare una buona guarigione. I casi si aggiungono alle preoccupazioni sugli effetti a lungo termine dati dal Covid-19, che hanno lasciato alcuni pazienti senza fiato e affaticati molto tempo dopo aver eliminato il virus, e altri con intorpidimento, debolezza e problemi di memoria. Una donna di 55 anni senza storia di malattia psichiatrica, dopo essere guarita dal coronavirus ha iniziato a comportarsi in modo strano il giorno dopo essere stata dimessa dall’ospedale.

La donna indossò ripetutamente il cappotto e dopo averlo tolto per l’ennesima volta iniziò ad avere allucinazioni, riferendo di aver visto scimmie e leoni in casa, fino ad essere nuovamente ammessa in ospedale dove ha fatto dei piccoli progressi con l’uso di farmaci antipsicotici. “Vogliamo che i medici di tutto il mondo siano attenti a queste complicanze del coronavirus”, ha affermato Zandi. “Il messaggio non è quello di attribuire tutto alla guarigione e agli aspetti psicologici della guarigione. Sembra che il cervello sia coinvolto in questa malattia.”

L’intera gamma di disturbi cerebrali causati da Covid-19 potrebbe non essere ancora stata rilevata, poiché molti pazienti negli ospedali sono troppo malati per essere esaminati con scanner cerebrali o con altre procedure. “Ciò di cui abbiamo davvero bisogno ora è una migliore ricerca per vedere cosa sta realmente succedendo nel cervello”, ha detto Zandi. Una preoccupazione è che il virus potrebbe lasciare una minoranza della popolazione con un sottile danno cerebrale che diventa evidente solo negli anni a venire.

Ciò potrebbe essere accaduto sulla scia della pandemia di influenza del 1918, quando fino a un milione di persone sembravano sviluppare malattie cerebrali. “È preoccupante se si potrebbe verificare un’epidemia nascosta dopo Covid con possibili danni gravi al cervello, perché potrebbero esserci delle gravi conseguenze, ma è troppo presto per noi per giudicare ora “, ha detto Zandi. “Speriamo, ovviamente, che ciò non accada, ma quando hai una pandemia così grande che colpisce una parte così vasta della popolazione è qualcosa a cui dobbiamo stare attenti.”

Lascia un commento