Corpi donati alla scienza marciti e divorati dai ratti: chiusura per il Center for Body Donations dell’Università di Parigi

0
121

Le autorità francesi stanno svolgendo delle indagini legate a presunti cadaveri umani donati per la ricerca scientifica che sono stati lasciati marcire prima di essere mangiati dai ratti in una struttura universitaria. Secondo quanto riferito dalla procura di Parigi, al momento sarebbero ancora in corso ulteriori indagini per quanto riguarda la “violazione dell’integrità di un cadavere”.

I pubblici ministeri hanno gestito la fase iniziale dell’indagine dopo che la rivista francese “Express” ha riportato lo scandalo lo scorso novembre. Il giornale afferma che i resti di migliaia di persone donati per la ricerca sono stati scoperti in condizioni orribili presso il Center for Body Donations (CDC) dell’Università di Parigi Descartes.

I corpi erano sparpagliati nudi, smembrati e ammucchiati uno sopra l’altro, con una testa mozzata distesa sul pavimento, un pò come essere in una fossa comune. Alcune parti del corpo si stavano decomponendo e altre venivano masticate da topi in mezzo a sacche di rifiuti contenenti pezzi di carne.

Frederic Douchez, un avvocato per le famiglie che ha denunciato le accuse, ha detto la sua sulla vicenda: “Questa è un’ottima notizia. I magistrati inquirenti avevano poteri molto più ampi per arrivare in fondo alla faccenda. Finora sono state presentate quasi 80 denunce”. Le rivelazioni hanno indotto il governo francese a ordinare la chiusura del centro dopo una ispezione amministrativa avvenuta lo scorso giugno, dove l’università è risultata colpevole di gravi violazioni etiche nella sua gestione. Il centro, aperto nel 1953, era nella sua categoria il più grande d’Europa e fino alla sua chiusura riceveva centinaia di corpi donati ogni anno.

Lascia un commento