Portland, proseguono le proteste per l’uccisione di George Floyd: ancora scontri tra manifestanti e polizia

0
219

I manifestanti si sono radunati davanti al tribunale federale degli Stati Uniti a Portland e al centro di giustizia della città dell’Oregon. È stato questo l’ultimo confronto nato dalle proteste notturne che è iniziato dopo l’uccisione di George Floyd da parte degli agenti di polizia di Minneapolis a fine maggio.

Trump minaccia di schierare più agenti federali per le proteste nonostante le notizie di violenza, che hanno attirato migliaia di persone e sono state in gran parte pacifiche. Ma gruppi più piccoli si sono concentrati su edifici federali di proprietà e forze dell’ordine, a volte accendendo incendi, rompendo finestre e scontrandosi violentemente con la polizia locale.

La polizia ha usato il gas lacrimogeno in diverse occasioni, fino a quando un ordine del tribunale federale glielo ha proibito. Intanto le azioni degli ufficiali mimetizzati e non identificati, inviati in città da Donald Trump senza il consenso locale, stanno sollevando la prospettiva di una crisi costituzionale.

La rabbia per la presenza federale è cresciuta l’11 luglio, quando un manifestante è stato ricoverato in ospedale per ferite gravi dopo che un ufficiale del servizio dei marescialli degli Stati Uniti lo ha colpito alla testa. Il video mostra l’uomo in piedi dall’altra parte della strada rispetto agli ufficiali e con un altoparlante in testa. I documenti giudiziari presentati nei casi contro i manifestanti mostrano che gli ufficiali federali hanno pubblicato vedette sui piani superiori del tribunale con ufficiali in borghese che circolano tra la folla.

Le autorità statali e locali sono in attesa di una sentenza in una causa intentata la scorsa settimana, in cui il procuratore generale dell’Oregon, Ellen Rosenblum, ha dichiarato che ufficiali federali mascherati hanno arrestato la gente per strada, lontano dal tribunale. “L’idea che ci sia una minaccia per un tribunale federale e che le autorità federali entreranno e faranno tutto ciò che vogliono fare senza alcuna cooperazione e coordinamento con le autorità statali e locali è straordinaria al di fuori del contesto di una guerra civile”, ha affermato Michael Dorf, professore di diritto costituzionale alla Cornell University. “È una mossa standard degli autoritari utilizzare il pretesto di reprimere la violenza per attuare la forza, stimolando così una risposta violenta e quindi avviando in primo luogo l’uso iniziale della forza”. Trump afferma di voler inviare agenti federali anche in altre città, ed è stato riferito che il Dipartimento della Sicurezza Nazionale (DHS) stia pianificando di schierare circa 150 agenti a Chicago, dove è aumentata la violenza armata.

L’ACLU dell’Oregon ha fatto causa alla corte federale. La filiale di Chicago dell’organizzazione ha affermato che si opporrà allo stesso modo a una presenza federale. Trump ha detto che il DHS e gli agenti del dipartimento di giustizia erano a disposizione per ripristinare l’ordine al tribunale e aiutare Portland. I principali democratici della Camera degli Stati Uniti hanno invitato gli ispettori federali generali a indagare. “Questa è una democrazia, non una dittatura”, ha dichiarato su Twitter il governatore Kate Brown, democratico. “Non possiamo avere la polizia segreta che rapisce persone in veicoli non contrassegnati. Non posso credere di doverlo dire al presidente degli Stati Uniti “.

Il sindaco di Portland, Ted Wheeler, ha detto domenica che le manifestazioni stavano diminuendo prima che gli ufficiali federali si impegnassero. “Stanno acutamente intensificando la situazione”, ha detto Wheeler alla CNN. “La loro presenza qui sta effettivamente portando a più violenza e più atti vandalici. E non aiuta affatto la situazione”. In effetti, la folla aveva iniziato a ridursi una settimana fa e alcuni in città, compresi i leader neri, avevano iniziato a chiedere la fine delle manifestazioni. Ma entro il fine settimana, la presenza di agenti federali e i ripetuti riferimenti di Trump a Portland come focolaio di “anarchici” sembra dare nuova vita alle proteste.

Lascia un commento