Scoperta la prima perdita attiva di metano nei fondali dell’Antartide

0
177

Gli scienziati hanno rivelato una perdita attiva di metano dal fondo del mare dell’Antartide e hanno anche scoperto che i microbi che normalmente consumano il potente gas serra prima che raggiungano l’atmosfera erano arrivati ​​in piccolo numero dopo cinque anni, permettendo al gas di fuggire.

Si ritiene che grandi quantità di metano siano immagazzinate sotto il fondo del mare intorno all’Antartide. Il gas potrebbe iniziare a fuoriuscire mentre la crisi climatica riscalda gli oceani, una prospettiva che i ricercatori hanno definito “incredibilmente preoccupante”. La ragione dell’emergere del nuovo filtraggio rimane un mistero, ma probabilmente non è il riscaldamento globale, poiché il Mare di Ross deve ancora riscaldarsi in modo significativo.

La ricerca ha anche un significato per i modelli climatici, che attualmente non rappresentano un ritardo nel consumo microbico di metano in fuga. Il medesimo risultato è stato già ottenuto per la prima volta dai subacquei nel 2011, ma gli scienziati hanno impiegato fino al 2016 per tornare al sito e studiarlo in dettaglio, prima di iniziare il lavoro di laboratorio. “Il ritardo [nel consumo di metano] è la scoperta più importante”, ha affermato Andrew Thurber, della Oregon State University negli Stati Uniti, che ha guidato la ricerca. “Non è una buona notizia. Ci sono voluti più di cinque anni perché i microbi iniziassero a comparire e anche allora c’era ancora metano che stava rapidamente fuggendo dal fondo del mare”. Il rilascio di metano da depositi sottomarini congelati o regioni di permafrost è uno dei punti chiave di cui gli scienziati sono preoccupati, che si verificano quando un particolare impatto del riscaldamento globale diventa inarrestabile.

Gli scienziati sono scioccati dal permafrost artico che si scongela 70 anni prima del previsto: “Il ciclo del metano è assolutamente qualcosa di cui noi come società dobbiamo preoccuparci”, ha detto Thurber. La professoressa Jemma Wadham, dell’Università di Bristol, nel Regno Unito, che non è stata coinvolta nello studio, ha dichiarato: “L’Antartide e la sua calotta glaciale sono enormi buchi neri nella nostra comprensione del ciclo del metano della Terra – sono luoghi difficili in cui lavorare. La grande domanda è quanto è grande il ritardo [nei microbi che consumano metano] rispetto alla velocità con cui potrebbero formarsi nuove perdite di metano a seguito della ritirata del ghiaccio?”

La ricerca, pubblicata sulla rivista Proceedings of the Royal Society B, riporta la scoperta del filamento di metano in un sito di 10 metri di profondità noto come Cinder Cones in McMurdo Sound. Si tratta di una patch lunga 70 metri di tappeti microbici bianchi e durante la spedizione del 2016 è stato trovato un secondo filtraggio.

“Ci siamo imbattuti nel filtraggio del metano in un sito in cui è stato immerso dagli anni ’60 e che si era appena attivato” – ha dichiarato Thurber – “Non c’erano bolle di metano. La maggior parte del metano in molte infiltrazioni viene effettivamente fuori in quelli che chiamiamo flussi diffusi. Quindi si è appena dissolto nell’acqua. La fonte del metano sta probabilmente facendo decadere i depositi di alghe sepolti sotto i sedimenti e rischia di avere migliaia di anni. Nella maggior parte degli oceani, il metano che fuoriesce dal fondo del mare viene consumato dai microbi nel sedimento o nella colonna d’acqua sopra. Ma la lenta crescita dei microbi nel sito di Cinder Cones, e la sua profondità ci indicano che il metano è destinato a penetrare nell’atmosfera”.

Lascia un commento