Crisi di Governo tra presunti piani di ripresa e capricci al Senato

0
93

L’Italia merita un “governo coeso”, ha detto Giuseppe Conte mentre iniziava la lotta per la sopravvivenza della sua coalizione. Il premier ha detto lunedì alla camera che la crisi politica innescata la scorsa settimana da Matteo Renzi era “infondata” e rischiava di danneggiare gravemente il Paese in un momento in cui gli italiani erano alle prese con problemi sanitari e finanziari. “Si arriva in una fase cruciale, nel bel mezzo di una pandemia, con i cittadini che soffrono per la perdita di persone care”, ha aggiunto Conte. “Rischiamo tutto e perdiamo il contatto con la realtà. C’era davvero bisogno di aprire una crisi politica in questo momento? “

Conte sta cercando di riempire il vuoto creato da Renzi, che ha strappato il suo piccolo partito Italia Viva dalla coalizione di governo per disaccordi sulla gestione della pandemia e un piano di ripresa economica post-Covid. L’uscita di Italia Viva ha privato Conte della maggioranza assoluta in entrambe le Camere.

Il voto alla Camera, dove Conte potrebbe non riuscire a ottenere l’appoggio della maggioranza assoluta dei senatori, è il più decisivo. Mentre il premier ha riconosciuto gli errori commessi nella gestione della pandemia, ha detto di parlare a “testa alta” e non per arroganza, appellandosi al sostegno dei parlamentari che avevano a cuore il “destino” dell’Italia. La scorsa domenica Renzi ha detto al Corriere della Sera che i suoi 18 senatori si sarebbero probabilmente astenuti.

Lascia un commento