Brasile, governo Bolsonaro in crisi: il via libera di Lula per la candidatura alle elezioni del 2022

0
269

I leader di tutti e tre i rami delle forze armate brasiliane si sono dimessi congiuntamente nella giornata di ieri dopo la sostituzione del ministro della Difesa da parte del presidente Jair Bolsonaro, provocando la diffusa apprensione di una scossa militare al servizio degli interessi politici del presidente.

Il ministero della Difesa ha riportato le dimissioni – apparentemente senza precedenti almeno dalla fine del governo militare 36 anni fa – in una dichiarazione rilasciata senza fornire motivazioni. Le sostituzioni non sono state nominate. Ma gli analisti hanno espresso il timore che il presidente, sempre più sotto pressione, si stesse muovendo per affermare un maggiore controllo sui militari.

L’annuncio è arrivato dopo che i capi dell’esercito, della marina e dell’aeronautica si sono incontrati ieri mattina con il nuovo ministro della Difesa, il generale Walter Souza Braga Netto. 

La prima dichiarazione di Braga Netto sul nuovo lavoro ha mostrato che è allineato con le opinioni di Bolsonaro per le forze armate. Il ministro della Difesa entrante, a differenza del suo predecessore, celebrò la dittatura militare del 1964-1985 che uccise e torturò migliaia di brasiliani.

“Le forze armate hanno finito per assumersi la responsabilità di pacificare il Paese, affrontando le sfide per riorganizzarlo e garantire le libertà democratiche di cui oggi godiamo”, ha detto Braga Netto, che non ha discusso della partenza dei capi militari. “Il movimento del 1964 fa parte della traiettoria storica del Brasile. E come tali vanno compresi e celebrati gli eventi di quel 31 marzo ”.

Bolsonaro lunedì ha provocato uno scossone nelle posizioni di vertice del governo, che inizialmente era stato visto come una risposta alle richieste di una correzione di rotta da parte di legislatori, diplomatici ed economisti, in particolare per la sua gestione della pandemia che ha causato più di 300.000 morti in Brasile.

Ciò includeva la sostituzione del ministro della Difesa Fernando Azevedo, che nella sua lettera di dimissioni ha affermato di aver “preservato le forze armate come istituzioni statali”.

Bolsonaro si è spesso arrabbiato per i controlli e gli equilibri imposti da altri rami del governo e ha partecipato a proteste contro la Corte Suprema e il Congresso, oltre a criticarli per aver difeso i diritti dei governi locali di adottare restrizioni pandemiche a cui si oppone categoricamente, sostenendo che gli effetti economici sono peggiori della malattia stessa.

Il recente calo di popolarità di Bolsonaro e l’improvvisa probabilità di affrontare l’ex presidente di sinistra Luiz Inácio Lula da Silva nelle elezioni presidenziali del 2022, ha portato il presidente a cercare sostegno nelle forze militari. Dal ritorno del Brasile alla democrazia nel 1985, le forze armate hanno cercato di mantenere le distanze dai litigi politici di parte.

All’inizio di questo mese, Bolsonaro ha iniziato a menzionare le forze armate in relazione alla sua disputa con i governatori e i sindaci degli stati sulle misure restrittive intese a rallentare la diffusione del coronavirus nella più grande nazione dell’America Latina.

“Il mio esercito non va in strada per costringere le persone a restare a casa”, ha detto Bolsonaro ai giornalisti il 19 marzo. Alla domanda sulle restrizioni pandemiche imposte da governatori e sindaci, il presidente ha detto di rispettare la costituzione, ma ha aggiunto che: “da tempo alcune autorità giocano con i limiti della costituzione”.

Bolsonaro ha visto la sua popolarità aumentare lo scorso anno, grazie a un generoso programma di assistenza in caso di pandemia. Quella popolarità è diminuita da quando il programma si è concluso a dicembre, e ci sono state nuove proteste contro di lui mentre il bilancio delle vittime quotidiane della nazione è diventato il più alto al mondo.

A offuscare ulteriormente le prospettive di Bolsonaro è il riemergere di da Silva dopo che un giudice della Corte Suprema ha annullato due condanne per corruzione e ripristinato i suoi diritti politici. I primi sondaggi indicano che sarebbe stato un formidabile sfidante per le elezioni del prossimo anno.

In altri cambi di governo, Bolsonaro ha sostituito il ministro degli Esteri Ernesto Araújo, che è stato accusato da alcuni di aver impedito la fornitura di vaccini facendo commenti visti come offensivi ai cinesi e non cercando in modo aggressivo le fonti.

All’inizio di questo mese, Bolsonaro ha anche sostituito il suo ministro della salute, il generale Eduardo Pazuello, il terzo ministro della salute a lasciare l’incarico dall’inizio della pandemia. Il mandato di Pazuello ha coinciso con la maggior parte delle 317.000 vittime per Covid-19 in Brasile.

Ieri il ministero della Salute brasiliano ha affermato che nelle 24 ore precedenti è stato registrato un nuovo massimo giornaliero di 3.780 decessi correlati al Covid-19. Il precedente record era di 3.650 morti ed era stato registrato lo scorso venerdì.

 

Articolo precedenteNuovi scontri a Baghdad: le milizie non vogliono le truppe Usa in Iraq
Prossimo articoloCovid-19, Johnson&Johnson: scartato un lotto da 15 milioni di dosi

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here