Terapie intensive al collasso in Francia: bufera sul presidente Macron

0
143

Mentre la Francia combatte una nuova ondata Covid, l’infermiera di terapia intensiva Stephanie Sannier gestisce il suo stress e il suo dolore salendo in macchina dopo un turno di 12 ore, suonando musica e cantando più forte che può. “Mi permette di respirare e di piangere”.

Le persone con il Covid-19 occupano tutti i letti nel suo reparto di terapia intensiva nell’ospedale della città medievale di Amiens. Tre sono morti negli ultimi tre giorni. Il vasto complesso medico allontana i pazienti in condizioni critiche dalle città più piccole vicine per mancanza di spazio.

Nella giornata di ieri il presidente Macron ha ordinato la chiusura temporanea delle scuole a livello nazionale e nuove restrizioni di viaggio, ma ha resistito alle richieste di un rigoroso blocco, attenendosi invece ampiamente alla sua strategia, una “terza via” tra libertà e reclusione intesa a tenere sotto controllo sia le infezioni che una popolazione irrequieta fino a quando non subentreranno le vaccinazioni di massa.

Il governo rifiuta di riconoscere il fallimento e incolpa le consegne ritardate di vaccini e un pubblico disobbediente per le infezioni alle stelle e gli ospedali saturi. I critici di Macron dicono che i leader francesi abbiano ignorato i segnali di pericolo e favorito i calcoli politici ed economici rispetto alla salute pubblica e alle vite. “Sentiamo che questa ondata sta arrivando molto forte”, ha detto Romain Beal, uno specialista presso l’Amiens-Picardie Hospital. “ci sono famiglie in cui vediamo madre e suo figlio morire contemporaneamente in due diverse stanze di terapia intensiva. È insopportabile. “

I medici dell’ospedale hanno visto la variante che stava devastando la Gran Bretagna oltrepassare la Manica e giungere in Francia. I medici di Amiens hanno fatto del loro meglio per prepararsi, portando rinforzi e istituendo una terapia intensiva temporanea in un’ala pediatrica. Dopo che il bilancio delle vittime della Gran Bretagna è cresciuto a gennaio, dopo che nuove varianti hanno sbattuto i paesi europei dalla Repubblica Ceca al Portogallo, la Francia ha continuato a vantare la sua “terza via”.

Le proiezioni degli scienziati francesi – comprese quelle dell’ente governativo di consulenza sui virus – prevedevano problemi futuri. I grafici dell’istituto di ricerca nazionale Inserm a gennaio e di nuovo a febbraio prevedono tassi di ospedalizzazione da virus in aumento a marzo o aprile. I medici preoccupati hanno sollecitato misure preventive oltre a quelle già in atto.

Settimana dopo settimana, il governo ha rifiutato di imporre un nuovo blocco, citando i tassi stabili di infezione e ospedalizzazione della Francia, e sperando che restassero tali. I ministri hanno sottolineato l’importanza di mantenere a galla l’economia e di proteggere la salute mentale di una popolazione logorata da un anno di incertezza.

Il tasso di infezione a livello nazionale è ora raddoppiato nelle ultime tre settimane e gli ospedali di Parigi si stanno preparando a quella che potrebbe essere la loro peggiore battaglia, con previsioni di sovraffollamento in terapia intensiva superiori al periodo in cui la pandemia si è abbattuta per la prima volta sull’Europa.

Riconoscendo le sfide, Macron ha annunciato ieri una chiusura scolastica di tre settimane a livello nazionale, un divieto di viaggio interno di un mese e la creazione di migliaia di posti letto temporanei in terapia intensiva, promettendo anche rinforzi al personale medico. Mentre altri paesi europei hanno imposto il loro terzo blocco negli ultimi mesi, Macron ha motivato il suo rifiuto di fare lo stesso in Francia affermando: “abbiamo guadagnato preziosi giorni di libertà e settimane di scuola per i nostri figli e abbiamo permesso a centinaia di migliaia di lavoratori di mantenere la testa sopra l’acqua.

Allo stesso tempo, quest’anno la Francia ha perso altre 30.000 vite a causa del virus, segnalando anche più infezioni da virus in generale rispetto a qualsiasi altro paese in Europa, oltre ad avere uno dei più alti tassi di morte al mondo: 95.640 vite perse. Il rifiuto di Macron di ordinare un blocco frustra persone come Sarah Amhah, che fa visita alla madre di 67 anni nella terapia intensiva di Amiens. “Hanno gestito male tutto questo sin dall’inizio”, ha detto, ricordando i passi falsi del governo un anno fa riguardo a mascherine e test e denunciando le sfide logistiche legate all’ottenimento di un vaccino per i parenti anziani. Sebbene sia ancora orgogliosa del sistema sanitario francese di fama mondiale, si vergogna del suo governo. “Come possiamo fidarci di loro?” 

Articolo precedenteCovid-19, Johnson&Johnson: scartato un lotto da 15 milioni di dosi
Prossimo articoloMyanmar, proseguono gli episodi di violenza a due mesi dal golpe

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here