Myanmar, gli attivisti annullano le festività di capodanno e continuano a protestare

0
415

Gli oppositori del governo militare in Myanmar hanno annullato nella giornata di oggi i tradizionali festeggiamenti del capodanno e hanno invece mostrato la loro rabbia nei confronti dei generali che hanno preso il potere attraverso proteste in tutto il paese.

L’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha affermato di temere che la repressione militare delle proteste dal colpo di stato di giorno 1 febbraio rischia di degenerare in un conflitto civile come quello visto in Siria e ha chiesto di porre fine al “massacro”. Un gruppo di attivisti del Myanmar, l’Associazione di assistenza per i prigionieri politici, afferma che le forze di sicurezza hanno ucciso 710 manifestanti dalla cacciata di un governo eletto guidato dal premio Nobel Aung San Suu Kyi. I manifestanti erano di nuovo fuori il primo giorno della festa di Capodanno di cinque giorni, nota come Thingyan, che di solito viene celebrata con preghiere e pulizia rituale delle immagini del Buddha nei templi. “Non celebriamo il Myanmar Thingyan quest’anno poiché oltre 700 delle nostre anime coraggiose innocenti sono state uccise”, ha detto un utente di Twitter di nome Shwe Ei.

Le donne che indossavano abiti eleganti per la festa più importante dell’anno hanno protestato in diverse città con vasi tradizionali contenenti sette fiori e rametti. Molte persone hanno dipinto il saluto con tre dita dei manifestanti sui loro vasi Thingyan. “Il potere della gente, il nostro potere”, hanno cantato le donne che marciavano in una strada nella città principale di Yangon mentre i passanti applaudivano, come mostra il video pubblicato dal gruppo mediatico Myanmar Now. In alcuni luoghi, le persone hanno disposto dozzine di pentole Thingyan imbrattate con messaggi come “Salva il Myanmar” in silenziose dimostrazioni di opposizione ai militari.

Non ci sono state segnalazioni immediate di violenza in nessuna delle proteste, ma le informazioni sono diventate scarse a causa dei limiti della giunta su Internet a banda larga e sui servizi di dati mobili. I soldati hanno sparato e ucciso un uomo e una donna che consegnavano latte su una motocicletta nella città nord-occidentale di Tamu, al confine con l’India, hanno riferito tre media.

Diverse piccole esplosioni si sono verificate in luoghi diversi, di cui due a Yangon, dove non ci sono state segnalazioni di vittime o rivendicazioni di responsabilità. Il colpo di stato ha gettato il Myanmar in crisi dopo 10 anni di tentativi di intraprendere un percorso di democrazia con proteste quotidiane e lavoratori di molti settori in sciopero, fermando l’economia. L’Alto Commissario delle Nazioni Unite Michelle Bachelet ha dichiarato che 3.080 persone sono state arrestate e che ci sono rapporti che 23 persone che sono state condannate a morte a seguito di processi segreti. “Temo che la situazione in Myanmar si stia dirigendo verso un conflitto in piena regola. Gli Stati non devono permettere che gli errori mortali del passato in Siria e altrove si ripetano ”, ha detto Bachelet.

Bachelet ha fatto riferimento alla notizia dell’uccisione di 82 persone nella città centrale di Bago la scorsa settimana e ha affermato che le sanzioni mirate, imposte da alcuni paesi occidentali, non erano sufficienti. Ha chiesto “misure immediate, decisive e di impatto per spingere la leadership militare del Myanmar a fermare la sua campagna di repressione e massacro”.

Articolo precedenteApprovato dall’India l’utilizzo di tutti i vaccini contro il Covid-19
Prossimo articoloDeenova vince il primo contratto privato in Spagna presso l’Hospital Centro de Andalucía di Lucena

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here