La tassa sul carbonio potrebbe aiutare i paesi asiatici a raggiungere gli obiettivi climatici

0
160

Un prezzo del carbonio che inizia basso e aumenta costantemente potrebbe aiutare i paesi asiatici a raggiungere i loro obiettivi nell’ambito dell’accordo di Parigi sul clima nel prossimo decennio, ha dichiarato nella giornata odierna il capo del Fondo monetario internazionale, citando una nuova ricerca del FMI.
L’amministratore delegato della FISM Kristalina Georgieva ha dichiarato a un evento ospitato dalla Banca popolare cinese che vi era un crescente consenso sul fatto che il prezzo del carbonio fosse il modo più efficiente ed economico per ridurre le emissioni.

Aumentando i prezzi dell’energia in generale, il prezzo del carbonio crea incentivi per le famiglie e le imprese a spostarsi verso opzioni più ecologiche, promuovendo l’efficienza energetica, stimolando gli investimenti verdi e stimolando l’innovazione.
L’FMI ​​sta sollecitando i maggiori emettitori del mondo ad adottare prezzi minimi del carbonio per garantire una mitigazione dei cambiamenti climatici più sostanziale.

Oggi il fornitore di dati climatici con sede a Londra TransitionZero ha affermato che la Cina deve dimezzare le emissioni di anidride carbonica delle sue centrali elettriche a carbone entro la fine del decennio se vuole continuare a diventare carbon neutral entro il 2060.
Georgieva ha affermato che i cambiamenti sono stati fondamentali in Asia, che ospita la maggior parte della popolazione mondiale e rappresenta quasi la metà delle emissioni di carbonio del mondo.

La regione Asia-Pacifico sta già sperimentando un aumento delle temperature più rapido e più disastri naturali legati al clima che altrove, e il cambiamento climatico è un fattore chiave dell’aumento della povertà e del peggioramento dell’insicurezza alimentare.

Ma accelerare il passaggio a economie più verdi potrebbe aiutare a rafforzare la ripresa economica dalla crisi del coronavirus.
Le tasse sul carbonio potrebbero anche generare entrate sostanziali, ma i paesi potrebbero utilizzare altri strumenti, come la tassa sul carbone cinese, che potrebbe eventualmente essere aumentata per ridurre le emissioni di CO2.
Georgieva ha detto che la Cina sta facendo “un importante passo avanti” con il suo sistema nazionale di scambio di emissioni di carbonio per il settore energetico. Nel tempo la Cina potrebbe porre un limite alle emissioni totali, adottare obiettivi più ambiziosi ed estendere il sistema oltre il settore energetico. Passare da una crescita ad alto contenuto di investimenti a una crescita guidata dai consumi e sostenere l’espansione dei servizi e dei settori ad alta tecnologia aiuterebbe anche la Cina a raggiungere i suoi obiettivi climatici.

Articolo precedenteBoom di incassi per Deliveroo nel primo trimestre da società quotata in borsa
Prossimo articoloL’urto delle fusioni e acquisizioni bancarie italiane colpisce il punto debole

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here