Calendario del Centro Ricerca Cetacei

0
161

Un’idea diversa per Natale? Regalare un delfino. Gli animalisti possono stare tranquilli perché l’iniziativa, lanciata dal Centro Ricerca Cetacei, è davvero lodevole. Acquistando il kit “A Natale adotta un delfino”, infatti, sarà possibile regalare i gadget del centro e allo stesso tempo contribuire alle attività di ricerca e tutela che i ricercatori stanno effettuando nelle acque dell’Isola d’Elba. Il Centro Ricerca Cetacei è un ente privato che ha corpo in una squadra di giovani ricercatori dalle diverse specializzazioni, impegnati nel monitoraggio di delfini e balene dei mari italiani e in particolar modo intorno alle coste elbane. La scelta del mar Tirreno come start-point di questo giro del Mediterraneo non è casuale. Qui, infatti, vi è una delle maggiori concentrazioni di cetacei che si possa trovare nei mari attorno allo stivale. Il Centro Ricerca Cetacei, dunque, dopo le aree di Genova e Punta Ala, ha individuato nell’Elba un importante punto di riferimento per lo sviluppo dei propri progetti di studio, creando una banca dati di più di 200 delfini fotoidentificati dopo tre anni di intenso lavoro.

La popolazione di delfini costieri è seguita passo passo per tutto l’anno, in questo modo i biologi riescono a verificare l’andamento dei gruppi, i loro spostamenti, le abitudini e soprattutto ad individuare gli eventuali fattori di disturbo. Per supportare questa ricerca, allora, sarà possibile adottare uno dei delfini fotoidentificati e ricevere maglietta, felpa, borsa, adesivo e cappellino del centro, oltre a un libro sui cetacei italiani. Per chi, invece, pensasse ad un regalo meno impegnativo c’è il calendario 2010, con la raccolta delle migliori immagini scattate dai ricercatori del Centro. Ma le iniziative che questi giovani intendono portare avanti per promuovere il Centro e la conoscenza di questi animali, non finiscono qui. In futuro, grazie alla collaborazione intrapresa con Youritaly, verranno organizzate conferenze negli alberghi dell’isola e cene a tema nei ristoranti.

Lascia un commento