Scarcerato l’assassino di Graziella Campagna, solidarietà del Coisp

1
1105

Messina – “Da cittadini, e soprattutto da tutori della sicurezza e dell’ordine, vogliamo rivolgere la nostra vicinanza vera e non formale ai familiari di Graziella Campagna, la cui giovane vita è stata stroncata dalla bestiale crudeltà di un killer efferato cui ora è stato consentito di tornare alla comodità della propria casa. Sappiamo che se l’assassino avesse scontato, come dovuto, l’ergastolo in cella, ciò non avrebbe comunque riportato Graziella tra le braccia dei suoi cari. Ma sappiamo anche che è davvero troppo difficile comprendere e condividere che un criminale senza scrupoli torni alla propria vita, accanto ai propri familiari, dopo aver per sempre distrutto ogni sogno ogni speranza ogni aspettativa nel futuro di una creatura innocente di diciassette anni. Possiamo solo immaginare cosa scuote l’animo di chi ha amato ed ancora ama Graziella, di chi non potrà più accarezzarla, guardarla, ascoltare la sua voce”.
Queste le parole con cui Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, esprime la solidarietà del Sindacato indipendente di Polizia ai familiari di Graziella Campagna, la giovinetta massacrata il 12 dicembre dell’85 in provincia di Messina da Gerlando Alberti junior e Giovanni Sutera, dopo la notizia che uno dei suoi carnefici è tornato a casa.