Il Serchio in piena torna a far paura

0
100

Lucca – «Ringrazio gli uomini della protezione civile che mi hanno svegliato alle 4 per avvertirmi del rischio di finire sott’acqua, ma trovo inconcepibile che chi gestisce il sistema delle dighe sull’asta del Serchio non abbia provveduto ad aprirle prima che si verificasse la piena. Gli invasi erano stracolmi e tutti sapevano della neve in arrivo e poi delle piogge con rialzo di temperature».
Non è la prima volta che accade e Maurizio Vichi, che abita al Piaggione (ha un negozio di parrucchiere in viale Castracani), è infuriato.