Trentino Alto Adige laurea Moroder campione italiano di deltaplano

0
255
I cieli dell'Alto Adige, una regione dove il volo libero è di casa, hanno
ospitato l'edizione 2010 dei campionati italiani di deltaplano ed i piloti
locali non hanno mancato l'appuntamento con il podio.
Ha vinto il titolo Anton Moroder, davanti a Christian Ciech, trentino di
nascita e varesino d'adozione, e Karl Reichegger.
Organizzate dall'associazione DFC Pfalzen, sono state giornate difficili dal
punto di vista meteorologico: forte vento e robuste turbolenze hanno messo a
dura prova i 46 piloti in gara su percorsi dagli 85 ai 104 km. Dal decollo
di Plan de Corones (2260 metri) questi hanno potuto effettuare quattro
manches valide toccando Canazei, le valli Gardena e Badia, il paese di
Valles e sfiorare Dobbiaco prima di raggiungere l'atterraggio di Falzes (997
metri) con quote attorno ai 3900 m.

Si è chiusa con successo She.Fly, raduno nazionale di 80 donne pilota di
parapendio che ha richiamato folto pubblico presso l'atterraggio ufficiale
del Club Scurbatt a Suello (Lecco).
Il tempo ha regalato due giornate di volo e di condivisione di uno sport
capace di dare emozioni e di arricchire l'animo. Dispiegando le ali al vento
dal Monte Cornizzolo, le partecipanti hanno affrontato voli di cross nel
circondario lariano.
Alcune di loro godono di grande notorietà: Nicole Fedele, classe 1984,
detentrice del record mondiale di distanza (km 164.6), Caroll Cattaneo
Licini, pilota di livello mondiale e promotrice della Coppa del Mondo
femminile, Laura Mancuso, autrice del libro "In volo senza confini, una
storia d'amore, di volo e di condor" e Gabriella Corradi, che ha ricoperto
il ruolo di presidente di uno dei club più importanti e numerosi d'Italia,
l'Aeroclub Montegrappa. Erano presenti anche Luca Basso, presidente della
FIVL, Alberto Castagna e Giorgio Corti della squadra azzurra di parapendio
campione d'Europa 2010.
Curiosità e voglia di sperimentare hanno spinto tante donne tra il pubblico
a provare le emozioni del volo in biposto... tingendo per due giorni il
cielo di rosa!

Lascia un commento