La Pubblica amministrazione impara a risparmiare comprando green

0
163
Cremona - In tempi in cui “risparmio” e “tagli” sono le
parole d’ordine per la Pubblica Amministrazione italiana, c’è chi – Comuni,
Provincie e Regioni… - da anni ormai sta sperimentando che fare scelte di
acquisto green, oltre ad aiutare l’ambiente, conti alla mano, garantisce
migliore efficienza, evita gli sprechi e aiuta a risparmiare. 

A offrire uno spazio in cui scambiare esperienze, mettere a confronto
modelli e fare il punto sulla situazione italiana ed europea è
CompraVerde-BuyGreen, il forum internazionale degli acquisti verdi, alla
Fiera di Cremona dal 7 all’8 ottobre 2010 (www.forumcompraverde.it).
L’evento, giunto alla quarta edizione, è uno spazio d’incontro tra i diversi
attori coinvolti nella diffusione e attuazione degli “acquisti verdi
pubblici e privati”, ed è promosso da Provincia di Cremona, Coordinamento
Agende 21 Locali Italiane, Regione Lombardia, Ecosistemi e Adescoop-Agenzia
dell’Economia Sociale s.c., con l’adesione di numerose realtà del mondo
della PA, nonché aziende, associazioni,….

Ma cosa vuol dire “comprare verde”? Significa scegliere beni e servizi
sostenibili ed ecocompatibili valutando già prima dell’acquisto il loro
impatto ambientale nella produzione, nell’utilizzo e, infine, nello
smaltimento: insomma tenendo in considerazione il loro ciclo di vita
complessivo. In tale ottica un numero di realtà della PA pian piano sempre
più consistente sta, ad esempio, inserendo vincoli di sostenibilità nei
bandi pubblici di acquisto di beni o di servizi (GPP-Green Public
Procurement). Anche le aziende, in quest’epoca di crisi, possono trovare qui
la strada di una loro riconversione che le renda, oltre che più “leggere”
nel proprio impatto ambientale e sociale, più competitive sul mercato.

Lascia un commento