Sigilli all’agenzia di pompe funebri dove la processione si fermò per l’inchino al boss

0
688

Palermo – È del capomafia Alessandro D’Ambrogio, rinchiuso da un anno al carcere duro. C’era anche lui al summit in cui si programmò l’attentato al pm Di Matteo. Finanza e carabinieri gli sequestrano un tesoretto da due milioni di euro