I poeti e la via della poesia a Merano

0
1147

unterhaslerhof_freizeit_meranLondra – La primavera è in arrivo e la luce e il tepore assicurano a chi visita Merano panorami unici e passeggiate prolungate alla scoperta di questa città.
Da quando nel 1836 il medico viennese Josef Huber esaltò l’efficacia terapica dell’aria meranese, la città divenne meta prediletta dell’aristocrazia europea e per molti la località ideale in cui
trascorrere un periodo di villeggiatura. Oltre alla qualità dell’aria,
Merano offriva ai propri visitatori anche una vivace attività culturale,
con incontri e conferenze in ambito artistico, medico e letterario che
spesso si svolgevano al Kurhaus, uno degli edifici più rappresentativi
della città.

A Merano, nel periodo tra Ottocento e Novecento, era facile incontrare per le vie della città romanzieri e poeti noti come il medico-scrittore Arthur Schnitzler, che trascorse all’Hotel Emma e al Tiroler Hof giorni di grande romanticismo con la sua amata Olga Walssnlx.

Anche Julien Green, autore di romanzi importanti come “Léviathan” e “Moira”, fece spesso tappa a Merano nei suoi viaggi che da Parigi lo portavano in Italia.
Gottfried Benn, poeta e saggista tedesco, compose all’Hotel Villa Westend, che si trova al numero 100 della Passeggiata Lungopassirio, una delle sue poesie più belle dal titolo “Marzo. Lettera a Merano”, ispirato dall’arrivo della primavera, con le bellissime fioriture e il sole
caldo.

Christian Morgenstern trascorse diversi anni della sua vita nella
città di cura altoatesina e qui si sposò anche e vi compose le sue più
famose opere “Io e Tu”, “Raccoglimento” e “Uomo Viandante”, che
riuniscono tutte le più belle poesie dedicate alla sua Merano.

Merano, inoltre, ospitò il famoso romanziere e prosatore praghese
Franz Kafka, che alloggiò a Villa Ottoburg di Via Maia. La casa
aveva un terrazzo assolato, dove lo scrittore trascorreva la maggior
parte del tempo dedicandosi ai suoi lavori, tra cui anche “il
Processo”.

Negli anni 50 e 60 del Novecento, Merano, che dal secolo
precedente aveva consolidato la sua immagine di città ricca di
iniziative e di eventi artistici e culturali, ospitò il premio Nobel
Salvatore Quasimodo e il poeta Giuseppe Ungaretti, che
incontrarono il pubblico nelle sale del Kurhaus leggendo le loro
poesie e discutendo di letteratura.

Il personaggio che però diede in assoluto il contributo più
importante alla città di Merano per lo sviluppo del turismo fu
l’imperatrice d’Austria Sissi, che, per la salute cagionevole della
sua quarta figlia Marie Valerie, trascorse lunghi periodi in questa
città, dimorando a Castel Trauttmansdorff e a Castel Rottenstein.
Nel suo ultimo soggiorno a Merano Sissi alloggiò presso l’Hotel

Kaiserhof e fece lunghe passeggiate ed escursioni visitando i castelli
dei dintorni. Anche l’imperatrice lasciò un diario poetico con versi
pieni di malinconica nostalgia.

Parte del tesoro rappresentato dai versi scritti da questi poeti
e scrittori Merano oggi lo custodisce inciso a fuoco su diverse
panchine che costeggiano la passeggiata Gilf, nota anche come la
Via della Poesia. Lungo il percorso della passeggiata è possibile
ammirare, infatti, oltre alle specie botaniche esotiche e
mediterranee, versi amorosi dei poeti moderni e contemporanei che
hanno soggiornato a Merano. La passeggiata
Gilf rappresenta quindi uno spazio di riflessione nella città, un luogo-
opera d’arte a testimonianza dell’ottima accoglienza, ospitalità e
qualità di vita che Merano è in grado di offrire a chi la visita.

Lascia un commento