La Luna nel pozzo, Festival internazionale del teatro in strada: si apre a Caorle 1 settembre la 21a edizione

0
1826

Al via giovedì 1° settembre il festival
internazionale del teatro in strada “La Luna nel pozzo”, nella cittadina
lagunare di Caorle (Venezia) fino a domenica 4. L’appuntamento di fine
estate, sempre tanto atteso da grandi e piccoli, cittadini e turisti, si
apre con una prima serata che vede in programma ben 21 eventi e 13 compagnie
e artisti, provenienti da Italia, Francia, Belgio, Spagna, Germania,
Argentina e Uruguay.
Il festival è promosso dall’Amministrazione comunale di Caorle e organizzato
dall’associazione culturale Arci Carichi Sospesi di Padova, in partnership
con United for busking, un nuovo network italiano di festival internazionali
di arte di strada, con il patrocinio della Regione Veneto e in
collaborazione con il Consorzio di promozione turistica del Veneto
orientale.
Largo dunque all’acrobatica, al circo teatro e al teatro di figura, alle
clownerie e alla pantomima, e al teatro di strada. Si parte alle ore 20.15
con l’apertura ufficiale della ventunesima edizione del festival in campo
Oriondi per poi lasciarsi catturare da Madame Rebiné in “La riscossa del
clown”, che racconta il tentativo di rivincita di un vecchio e sfortunato
clown, ostacolato da renne acrobate, giocolieri miopi e mosche assassine.
Con la compagnia Paki Paya nel suo “Shake shake shake!” il bello e
stravagante Tony seduce con humor, danzando a ritmo di musica dance,
esibendosi su quadro aereo e palo cinese. Performance itinerante sul
lungomare per Les Contes d’Asphaldt nella romantica commedia “Odil”, in cui
un’elegante donna, Madame Jocelyne, fa roteare i suoi hula hoops fino a
stordirsi. La dolcezza e la tenerezza sono le protagoniste dello spettacolo
“C’era 2 volte 1 cuore” di Tib Teatro: due personaggi attendono una persona
con fiducia e speranza ed è l’amore a sostenerli. All’insegna della dolcezza
anche “Gli uomini preferiscono le piume” della compagnia Follemente,
spettacolo di marionette che narra di un giovane artista talentuoso alle
prese con una diva mancata di altri tempi, che si scoprono poi
indispensabili l’uno per l’altra. Fine e poetica la performance di Duo Kaos:
con l’eleganza delle discipline mano a mano e le tecniche della
manipolazione di oggetti, come ruote e biciclette, “Time to loop” è una
storia di trasformazione e amore. Si passa poi alle clownerie e
all’acrobatica su corda molle di Camilo Clown in “Camilo Pompiere”, dove il
protagonista, giocando con un incendio e salvando una ragazza dal pericolo,
si scopre un vero e proprio vigile del fuoco. Acrobazie di alto livello,
tali da lasciare senza fiato, anche quelle di “Un golpe de suerte” di cia
Intrepidos. E ancora, Dado nel suo “Oddball” fa catapultare gli spettatori
nel mondo di uno strano personaggio che alla sua comicità fisica accompagna
un assortimento di oggetti curiosi e inusuali. Oggetti insoliti anche quelli
con cui ha a che fare Dario Zisa in “Arriva il conte Von Tok”: dalle valige
del conte usciranno cose stupefacenti! Unisce giocoleria, magia, e hula hoop
lo spettacolo “Gulp” di Clap Clap Circo.
A partire dalle 18 in piazza Vescovado spazi e momenti dedicati ai soli
bambini, che sono invitati a divertirsi in un bosco di giochi tutto di legno
con creazioni fatte a mano che arrivano direttamente dalle Alpi francesi e
sono realizzate da Le Boix des Joux. E dalle ore 21 lungo rio Terrà,
Silvestro Sentiero è il “Poeta performer”: un frac, un leggio e un foglio su
cui annota, ispirato, ciò che di ogni persona lo colpisce.

Lascia un commento