Italo Bolano: “Avvicinatevi alla bellezza. L’occasione di vivere Klimt a Firemze”

0
433

Mi trovo a Vienna (novembre 2016) davanti al famoso Napoleone che valica le Api di David; è uno degli originali della grande opera perché Napoleone ne ordinò al suo pittore ben quattro.
Uno si trova a Berlino, uno a Parigi, uno a Milano e appunto uno a Vienna, al palazzo del Belvedere insieme ad alcune opere di Klimt, l’originale pittore della Secessione viennese del quale tutti conoscono il famoso “Bacio” che a Vienna si trova ad ogni piè sospinto ovunque, anche sulle facciate dei palazzi.
Nel caffè di questo particolare museo come sempre all’estero mi vien da pensare all’Elba e agli elbani. L’Elba per me rimane sempre il metro di tutte le cose.
Mi vien voglia di partecipare le mie sensazioni di queste bellezze agli amici elbani e condividerle.
L’arte è nata dall’intuizione e dalla fantasia di poche persone e vuole trasmettere agli altri queste emozioni che, specialmente in questo periodo di assoluta crisi, potrebbero salvare l’uomo che per vincere deve educarsi ed educare alla bellezza, unica forza dello spirito che può elevarlo.
In dicembre si dà l’occasione a Firenze di rivivere la meravigliosa e sensuale arte di Klimt con un evento multimediale nella chiesa sconsacrata di Santo Stefano vicino al Ponte Vecchio.
Le gigantesche proiezioni di oltre 70 opere e di loro particolari invadono le navate e gli altari di questa chiesa nella quale possiamo immergerci in un sogno, accompagnato da musiche appropriate come se veramente si entrasse nelle opere stesse.
Voglio suggerire la visita a questa esperienza insolita a tutti gli amici elbani, alle scuole e a tutti: un’ora di “elevazione” dello spirito che è la migliore “cura” delle coscienze in questo grave periodo ripeto, di lutti e abbrutimento a tutti i livelli.
Mi ha fatto piacere leggere che una scolaresca del Liceo Foresi ha visitato la mostra di Dalì a Pisa, finalmente i nostri ragazzi si avvicinano presto alla cultura, grazie ad un Dirigente scolastico moderno e lungimirante.