Vita in Palestra: a Capoliveri cresce la Polisportiva e si afferma il nuovo centro dedicato al body building

0
585

Apertura quotidiana dalle 7:00 alle 23:00, un servizio di ingresso libero 365 giorni all’anno, Natale e Capodanno compresi, tessera magnetica per l’ingresso e possibilità di scelta fra attività con personal trainer  (lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9,30 alle 11,30 e dalle 16.00 alle 20.00) e libero utilizzo delle attrezzature sportive: tutto questo è il centro sportivo pesistica di Capoliveri.
Un luogo di culto per gli amanti del body building che qui arrivano un po’ da tutta l’Isola ed un centro sportivo all’avanguardia dotato di innovative attrezzature messe a disposizione di tutti gli iscritti.
Il centro, affidato alla gestione della Polisportiva Capoliveri, è nato a gennaio del 2012 ed in pochi anni è diventato un’eccellenza nel panorama sportivo elbano, rappresentando un luogo di aggregazione per giovani e meno giovani che hanno a cuore la propria salute e il proprio aspetto fisico, ma anche per chi ha necessità di fare attività riabilitative o vuole potenziare le proprie prestazioni.
“E’ un po’ la mia creatura e ne vado orgogliosa – ci racconta Claudia Ferri – che di questo centro è stata l’ideatrice e che oggi ne è il principale punto di riferimento”.
Trentacinque anni, livornese, allenatrice di pesistica e cultura fisica, Claudia ha scelto di vivere all’Elba inseguendo l’amore e poi l’isola è diventata la sua seconda casa “Dalla quale” – dice – “Non mi separerei mai, perché qui vivo la mia vita ideale”.
“Nel 2009” – ci racconta – “Mi sono trasferita da Livorno a Capoliveri e l’anno successivo, nel 2010, all’interno della Polisportiva Capoliveri, ho iniziato l’attività di istruttrice per corsi di ginnastica femminile nella palestra comunale”.
Tantissime adesioni ed un vasto consenso da parte del mondo femminile hanno fatto crescere i numeri della Palestra capoliverese tanto che Claudia ha voluto osare proponendo all’amministrazione comunale la realizzazione di un ulteriore spazio dedicato alla pesistica e alla cultura fisica.
“Grazie all’amministrazione di Capoliveri, al sindaco Ruggero Barbetti e al Vicesindaco Andrea Gelsi che hanno voluto credere in questo progetto – puntualizza Claudia – la palestra di body building è diventata una realtà, una realtà dove vengono ad allenarsi persone di tutte le età e dove sta crescendo sempre di più la presenza femminile che qui ha trovato una forte e valida alternativa e integrazione al più tradizionale corso di ginnastica.
Un luogo che piace a tutti, soprattutto ai giovani (ma non solo) è inutile dirlo, e dove si stanno formando atleti che hanno già conseguito importanti riconoscimenti sportivi nazionali ed internazionali come Babacar Niang,  già campione italiano ed europeo (2015 e 2016) di Body Building Natural pesi medi”.
“Con me in palestra – prosegue Claudia Ferri – da qualche tempo c’è anche Tommaso Caccialupi, un validissimo istruttore e preparatore atletico che segue i ragazzi e tutti coloro che vogliono sperimentare questa disciplina valutando con ciascuno il piano migliore per il proprio fisico e le proprie necessità”.
“Tommaso si allenava qui. Ci siamo conosciuti in questo modo e così è nata l’idea di collaborare. Moltissimi – racconta Claudia – sono i ragazzi che scelgono Tommaso come allenatore, anche lui gareggia e lo scorso anno si è classificato V° ai campionati italiani di Body Building a cui ha intenzione di partecipare anche in questo 2017.”
“Come me” spiega Tommaso “Verranno anche Guido Pisani, e naturalmente Babacar Niang e così, con ben tre atleti, l’Elba rappresenterà il Body Building in una vetrina importante come quella delle gare nazionali”.
“Per noi – conclude Claudia – una grandissima soddisfazione e un vanto, segno che stiamo lavorando bene e che questa struttura e tutto il centro sportivo hanno delle enormi potenzialità. La speranza è che in futuro la palestra e tutto il centro sportivo gestito dalla Polisportiva possano essere ulteriormente potenziati, così da soddisfare ancor di più le esigenze del mondo sportivo dell’Isola. Un sogno? Forse, ma a volte sognare  e desiderare che i sogni si avverino è il miglior modo perché questi diventino realtà!”