0
90

“Non è in alcun modo ammissibile e giustificabile che le Istituzioni, a qualsiasi livello, concedano spazi a chi si fa promotore della commissione di reati. A chi inneggia alla protesta illegale. A chi più di una volta non ha avuto remore a commettere gravi gesti di violenza contro le Forze dell’ordine. Quanto accaduto a Padova, dove centri sociali, secondo quanto riferito dalla stampa, hanno annunciato la loro disobbedienza a provvedimenti del questore in una conferenza stampa tenuta in una sala comunale, è gravissimo. Qui si parla del rispetto dell’ordinamento, delle sue leggi, delle istituzioni democratiche e di chi ne difende la vita stessa. Non può trovare spazio alcuna forma di becera ipocrisia. La libertà di manifestare il proprio pensiero è sacrosanta, ma nessuno ha la facoltà di inneggiare a forme di dissenso violente o che si traducano in qualsiasi forma di illegalità. Che sia un’istituzione dello Stato a ospitare una manifestazione come quella di ieri a Padova è a dir poco sconcertante. E’ ridicolo pensare che basti pagare per avere diritto a uno spazio istituzionale in cui poter dire letteralmente di tutto, senza un minimo di controllo sulla legittimità di quanto accade. Come Fsp non possiamo che manifestare profondo sdegno per quanto accaduto, perché i poliziotti italiani dedicano è sacrificano un’intera esistenza a garantire il rispetto di quelle regole dello Stato che ieri qualcuno ha annunciato di voler bellamente calpestare”.
Così Valter Mazzetti, Segretario Generale Fs Polizia, Federazione sindacale di Polizia, a proposito della conferenza stampa che alcuni centri sociali hanno tenuto ieri in una sala del Comune di Padova, in cui hanno annunciato la propria volontà di voler contravvenire ai provvedimenti di foglio di via emessi dal questore a carico di attivisti del centro sociale “Pedro”.