Allarme a Milazzo, coppia in quarantena si imbarca per Lipari

1
650

Una coppia di isolani è stata denunciata dalla polizia municipale di Lipari .Si trovava in regime di quarantena e stamani invece si è imbarcata alle 6.30 dal porto di Milazzo con L’ aliscafo della Liberty Lines ed è rientrata al porto Sottomonastero senza attenersi al decreto governativo, quindi sottoposta all’accertamento.Per la coppia scatterà il provvedimento del codice penale in ottemperanza ai divieti specialmente per i soggetti in isolamento.

A destare sconcerto come queste due persone indisturbate si siano imbarcati al porto di Milazzo senza nessun controllo o verifica delle autocertificazioni.L’accertamento è avvenuto solo all’approdo a Lipari.Sorgono quesiti importanti:da dove provenivano questi soggetti,con quante persone sono entrate in contatto?Durante il viaggio i due potenziali vettori di contagio del Covid-19 hanno rispettato le distanze di sicurezza?

Il Sindaco di Lipari Marco Giorgianni sostiene che ha segnalato tramite pec alle forze dell’ordine l’arrivo da Milazzo verso Lipari di due passeggeri in stato di quarantena fiduciaria con requisiti falsi dell’autocertificazione per viaggiare ma è stato confermato che si sono sistemati a bordo lontani da altri poche unità’ di passeggeri.Una volta accertati sull’isola sono stati accompagnati dai Vigili Urbani nel proprio domicilio per proseguire l’isolamento.

1 Commento

  1. 30 marzo 2020

    Gent.ma redazione vi scrivo in seguito all’articolo apparso su diverse testate locali.

    Scrivo per informarvi di cio di cui io sono direttamente a conoscenza e che puo fare luce su come si sono svolti i fatti, poichè seppur non ci sono nomi , mi sembra che le persone denunciate , siano proprio i due amici da me ospitati . . Il titolo dell’articolo del 29 marzo 2020 ( ne cito alcuni passi…..) “Lipari: sono stati 4 gli isolani denunciati per non aver rispettato il decreto governativo 2 erano in quarantena”””, altro titolo” Milazzo zona rossa? Sì, se i contagiati ci passano sotto il naso”, e poi ancora, il commento un medico che ha assistito ad “una scena vergognosa riguardante una coppia di isolani “malati di arroganza e di maleducazione, vergona ! che mettono in pericolo la vita di tanti Liparesi ,probabilmente in quarantena fuori isola e che volevano rientrare al loro domicilio” . Ho letto anche la rettifica del sindaco di Lipari , che afferma che la coppia è stata messa in isolamento fiduciario a Milazzo “per non lasciare “in giro “(le virgolette sono nel testo) queste persone… la coppia giunta a Lipari è stata scortata scortati dai vigili al loro domicilio”

    Ritengo che le interviste e gli articoli “travisino in maniera ingannevole e fallace la verità dei fatti”(prendo a prestito l’elegante frase del sindaco)
    Questa è la storia: La coppia ha affrontato un viaggio verso Lipari iniziato il 24 MARZO e terminato il 27 MARZO ,possedevano i documenti richiesti dalla legge e nonostante il certificato medico della moglie, hanno subito disagi che avrebbero messo a dura prova chiunque; prima e durante il viaggio sono intercorse telefonate da parte della coppia e mail da parte mia che avvertivano gli organi preposti (questura, protezione civile , comune di Lipari il quale mai ha dichiarato che non li avrebbe accolti), a mio parere non si tratta di isolani concittadini che infrangono le leggi e attraversano i territori con il rischio di contaminare la popolazione, ma trattasi dell’odissea di due isolani che tornavano a casa con regolare documentazione , chiedo sulla base degli argomenti che andrò a esporre che venga pubblicato questo testo cosi da permettere a chi di dovere di indagare al meglio su quanto successo.

    UNA BREVE STORIA – Erano venuti in gennaio per un consulto medico riguardante la moglie,ma l’emergenza che si è palesata e il protrarsi della gravità del Covid19, gli ha imposto, dopo aver consultato il medico, di ritornare a casa .

    Prima di partire sono stati contattati tutti gli organi competenti sia siciliani sia della regione dov’erano ospitati, in particolare la questura e la protezione civile, per informarsi su come rientrare al proprio domicilio secondo le disposizioni governative: la risposta è stata unanime: esibire un’autocertificazione e il certificato medico, e una volta al proprio domicilio, concordare con gli organi preposti la quarentena precauzionale.
    Io mi sono occupata di informare tempestivamente tramite mail , la protezione civile di Messina , Asp di Messina, comune di Lipari , del viaggio (città di partenza e arrivo, con date , generalità dei coniugi , stato di salute ) e ho regolarmente informato il comune di Lipari di tutti i ritardi che subivano i coniugi con cui ero in contatto telefonicamente, inoltre ho richiesto di segnalarmi quali enti dovevo mettere al corrente , e il comune di Lipari ha risposto che si sarebbe messo in contatto coi coniugi per informarli sulla quarantena da effettuarsi a Lipari al momento del loro arrivo, mai c’è stata segnalazione o menzione di un possibile blocco in altre località siciliane.

    a Villa San Giovanni il treno non ha proseguito per milazzo come previsto , molte persone attendevano l’imbarco . Dopo ore di attesa, vista la regolarità dei documenti, la coppia, ha potuto proseguire per Messina dove hanno passato la notte (difficoltoso il ritrovamento di un albergo aperto) Il mattino hanno proseguito per Milazzo :a causa del brutto tempo l’aliscafo non è partito , avrebbero pernottato a Milazzo e ripartiti il mattino seguente con il primo aliscafo.

    A milazzo I coniugi mi hanno telefonato comunicando con gioia che il comune li aveva aiutati aprendo un albergo poiche erano tutti chiusi, con pernottamento a loro carico, hanno compilato e firmato altri documenti, “tutto a posto domattina partiamo con il primo aliscafo,mi dissero, e prima di partire telefoniamo in questura per maggior sicurezza “MA al mattino , la sorpresa, al molo gli hanno impedito di imbarcarsi , hanno potuto prendere il secondo aliscafo ma la finanza e successivamente i vigili ,hanno redatto un verbale di denuncia .Nè a Roma, nè a Messina dove sono stati controllati i documenti è stato imposto un isolamento , sono stati utilizzati alberghi a spese della coppia e le normali misure di sicurezza sanitaria, pertanto o al sindaco di Lipari non sono state trasmesse le email indirizzate al comune , o è stata emessa una procedura speciale di cui non erano a conoscenza poiché in viaggio. A questo proposito invito il sindaco di Lipari di fare chiarezza e informarsi su come sia potuto accadere: perchè il comune di Lipari non ha comunicato una procedura diversa da quella recitata nell’ordinanza governativa e ancora, come è possibile che ne questura nè altri organi preposti non ne fossero a conoscenza? A mio parere non è un problema di controlli come segnala la redazione di TERMINAL MILAZZO , i controlli ci sono ma a mio parere l’emergenza non rende possibile un tempestivo passaggio di informazioni !!!

    Ad oggi a quanto ne so la coppia è a Lipari in isolamento secondo le modalità fissate dalla legge, hanno una denuncia, la signora a causa del disagio subito ha peggiorato il suo stato di salute e il marito ,come tanti non ha possibilità di riprendere il lavoro ma soprattutto è amareggiato dalla situazione che si è creata proprio nel suo comune dove è nato , vissuto e tutt’ora residente.

    Nella speranza che tutto si risolva al meglio sono fermamente convinta che ci possa essere ,soprattutto in questi momenti , uno spazio umano di solidarietà e comprensione e conto sulla vostra pubblicazione a rettifica di quanto comparso sulle vs. testate e in risposta a commenti indignati e accusatori , che non rendono merito agli eoliani che per quanto mi risulta sono persone accoglienti e solidali .

    Cordiali saluti

    Ombretta zaglio

Lascia un commento