Telecom ritratta i benefici ai terremotati, lo sdegno di D’Alessandro

0
292

“Quanto si apprende è vergognoso, appare più un’operazione di marketing che di beneficenza. Se Telecom ha dato questi lodevoli benefici, ritrattare è una pura caduta di stile che crea un grosso danno ai cittadini”. Queste le parole del responsabile per l’Abruzzo dell’Italia dei Diritti Emiliano D’Alessandro alla notizia dell’esclusione dei cittadini dell’Alto Sangro e dell’Altopiano delle Cinquemiglia dai benefici, inizialmente promessi da Telecom, relativi alla sospensione del pagamento delle bollette per i residenti nelle zone colpite dal terremoto. L’esclusione di queste zone da tali agevolazioni ha comportato l’arrivo di bollette salate a causa degli arretrati più il pagamento di quelle in corso con conseguenti disagi per le famiglie. Prosegue l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro: “Bisognerebbe danneggiare Telecom diffondendo questa notizia. Non si può speculare sul dolore altrui, mi aspetto quanto prima una giustificazione o un passo indietro dalla Telecom che colpisce al cuore l’Abruzzo dopo il terremoto. E’ offensivo per le persone che stanno subendo il trauma della perdita dei familiari, dei danni e degli oneri della ricostruzione. Provo sdegno per l’accaduto, prima dimostriamo di essere buoni e poi torniamo ad essere dei mercanti. Tutto ciò mi fa pensare solo ad una bassa manovra pubblicitaria”.