Il Friuli Venezia Giulia all’edizione 2011 del Salone del Libro di Torino

0
1861

Villa Chiozza di Cervignano – Prenderà il via il 12 maggio il 24° Salone Internazionale del Libro di Torino e il Friuli Venezia Giulia, che Ippolito Nievo descrisse come “un piccolo compendio dell’universo”, in quanto terra di straordinaria bellezza e crocevia di lingue, popoli e tradizioni diverse e sapori imperdibili, si presenta con uno stand dedicato e un programma denso di incontri.
Una regione è, ancora oggi, una realtà tutta da scoprire e da vivere, non solo attraverso l’esperienza diretta, ma anche con i suggestivi racconti e le descrizioni che alcune tra le firme di punta del panorama letterario italiano le hanno dedicato: cornice ideale e sfondo indimenticabile per le trame dei loro scritti, che la rendono protagonista silenziosa in molti romanzi.

Lo stand X26 del padiglione OVAL ospiterà alcuni degli scrittori più importanti del Friuli Venezia Giulia, che racconteranno LIVE le loro storie, i loro libri di recente uscita, ma anche il forte legame con la terra da cui provengono o in cui vivono.
Un calendario ricco e intenso, realizzato in collaborazione con pordenonelegge.it, l’evento letterario per eccellenza della regione, che sarà in grado di soddisfare i fini palati letterari degli appassionati ospiti del Salone del Libro.
Gli appuntamenti allo stand FVG avranno inizio con una proposta didattica per i ragazzi a cura di Damatrà, associazione che promuove la lettura per i più giovani, che presenterà una topografia sentimentale dei luoghi della giovinezza friulana di Pier Paolo Pasolini attraverso i suoi libri.
Gli incontri a cura di pordenonelegge.it e presentati dall’autrice televisiva friulana Gloria De Antoni, inizieranno venerdì 13 maggio con Margherita Hack, che allo stand FVG racconterà i segreti di stelle e pianeti raccolti nel recentissimo libro “Storia dell’Astronomia”, che vede la grande astrofisica in un inedito “dialogo” con Giacomo Leopardi.
Sarà invece incentrato su una inattesa “primavera letteraria” tutta pordenonese, l’incontro dal titolo “Nuove scritture a Pordenone”, che vede protagonisti Federica Manzon, autrice del libro “Di fama e di sventura” (Mondadori) e Massimiliano Santarossa, che ha pubblicato “Hai mai fatto parte della nostra gioventù?” (Baldini Castoldi Dalai). E uno dei precursori proprio di quella fucina pordenonese che, da diversi anni, si sta affermando nel panorama letterario italiano è Tullio Avoledo che parlerà allo stand FVG del “Mondo (o i mondi) intorno”.
Sarà realizzato in collaborazione con il festival goriziano èStoria, l’incontro con l’importante storico triestino Raoul Pupo, che racconterà le complesse vicende storico-politiche dopo la seconda Guerra Mondiale sul confine orientale dell’Italia, raccolte nel suo libro “Trieste ’45” (Laterza).

I 150 anni dell’Unità d’Italia saranno lo spunto, poi, per riprendere riflessioni sul tema della memoria, già fil rouge dell’edizione 2010 della manifestazione, con un appuntamento importante: 150 sono infatti anche gli anni trascorsi dalla nascita di Italo Svevo, il grande scrittore e drammaturgo triestino. E questa ricorrenza verrà celebrata allo stand FVG con l’incontro “19 dicembre 2011: un’ottima data per un’ultima sigaretta” a cura del Museo Sveviano di Trieste.
Il sipario si chiuderà con le atmosfere noir di Elvio Guagnini, che affronterà il tema “Dal giallo al noir e oltre”, mentre Enrico Pandiani proporrà al pubblico “Antologia Lama&Trama”.

Tutti gli appassionati lettori che parteciperanno a questa edizione del Salone del Libro di Torino potranno conoscere quindi il Friuli Venezia Giulia attraverso i suoi autori, le case editrici, ma anche attraverso i festival e gli eventi culturali più importanti e le proposte di visite guidate nei luoghi dei nostri scrittori.

Lascia un commento