Fiumicino: Parcheggi a pagamento Ospedale Bambini Gesu’ grido dall’allarme dell’Associazione Sociale&Sicurezza

0
722

Londra – Dall’Ufficio Stampa APS http://www.socialesicurezza.it riceviamo epubblivhiamo.

Anche se ci duole, non poco , portiamo alla cronaca la problematica parcheggio dell’Ospedale Bambino Gesu’ nel comune di Fiumicino presso Palidoro .
Stiamo parlando di un Ospedale Pediatrico di prima eccellenza che nel corso di tanti anni si e’ guadagnato una reputazione eccellente, di proprietà del Vaticano, ed un punto di riferimento per tutte le famiglie sia del Litorale Romano che di Roma .
Da circa un mese – dopo la costruzione di un parcheggio multipiano – per far visita agli ammalati il parcheggio si paga profumatamente . Non ci sono altre possibilità. Le corse dei pullman (la linea F della Seatour) sono state cancellate dal primo gennaio 2013 lasciando a piedi i cittadini di Ladispoli, Cerveteri, ecc.
I posti gratis sono pochissimi e quindi agli utenti “visitatori e malati” non resta che tirare fuori soldi, non pochi , per lasciare l’auto nei parcheggi. Varie le tariffe: si va da 1euro e 10cent. della prima ora fino agli 8 euro giornalieri.
Naturalmente non fa piacere pagare per andare a trovare o portare in visita ( l’ospedale e’ anche un primo soccorso ) bambini che stanno male .
La polemica non e’ solo del paziente ma anche del personale medico o paramendico che li ci va per lavorare.
Infatti devono pagare un abbonamento mensile :
per il parcheggio all’aperto sullo sterrato (15 euro per gli infermieri e 30 per i medici) il parcheggio al chiuso dove ci sono le macchine dei visitatori (30 euro per gli infermieri e 60 addirittura per i medici).
Il personale del Bambin Gesù – circa 500 dipendenti – l’ha presa malissimo ed in molti hanno richiesto un intervento del sindacato ad oggi silente in merito .
Mentre per i servizi di trasporto, dove sono e cosa fanno i Sindaci di Fiumicino e Ladispoli ???
Ad oggi non vi sono risposte, sarebbe auspicabile un intervento per sanare una situazione paradossale .-

Lascia un commento