L’agricoltura in ginocchio chiede “soldi veri” al Governo

0
641

<>. Lo hanno gridato quest’oggi gli agricoltori delle province di Siena e di Arezzo, che hanno presidiato per cinque ore il casello autostradale A1 di Bettolle-Valdichiana. 1.200 agricoltori in totale con 140 trattori, slogan, cartelli, bandiere e punti di ristoro, per sensibilizzare istituzioni e cittadini del momento più difficile della storia del settore. Una clamorosa iniziativa organizzata dalla Cia, Confagricoltura, Legacoop e Confcooperative Siena e Arezzo – che però non ha creato particolari disagi a traffico e cittadini grazie alla collaborazione fra organizzatori e forze dell’ordine –, che segue le altre manifestazioni di Livorno, presidio al porto di Livorno, e Firenze, davanti al Consiglio regionale, per un mese di mobilitazione dell’intero settore.

Agricoltori provenienti da ogni angolo delle province di Siena e di Arezzo, arrabbiati, delusi dalle parole a cui non sono seguiti i fatti da parte del Governo, e di fronte ad una crisi senza precedenti negli ultimi venti anni. All’iniziativa di protesta sono interventi anche rappresentanti delle istituzioni locali e regionali: Rosanna Pugnalini, consigliere regionale; Anna Maria Betti, assessore provinciale all’agricoltura che ha ricordato “il sostegno concreto della Provincia di Siena, con risorse aggiuntive e il riconoscimento dello stato di crisi”; inoltre hanno partecipato i sindaci di Sinalunga, Maurizio Botarelli; di Montepulciano, Andrea Rossi; e di Chiusi Luca Ceccobao.

<>. Vino, olio, zootecnia, ortofrutta, cereali: tutti i settori accomunati da una parola. Crisi.

<>. La situazione non è più sostenibile, <<è urgente - concludono Cia, Confagricoltura, Legacoop e Confcooperative - che le istituzioni a tutti i livelli intervengano, sia adottando misure straordinarie per evitare la chiusura di migliaia di imprese agricole, sia mettendo a punto una strategia di lungo respiro che ponga le condizioni per la competitività della nostra agricoltura>>.