In merito alla chiusura dell’asilo replica Damiano Damiani (Lega Nord)

0
240

La campagna elettorale alla Presidenza del Consiglio di Istituto Comprensivo Pascoli è finita, il futuro forse nuovo Presidente in pectore “Gaudenz”  potrà ancora affermare:  “Il segno più tangibile è rappresentato dall’attività svolta dal comune nell’ambito dell’edilizia scolastica, grazie alla capacità dell’assessore, Cosetta Pellegrini e del sindaco, Roberto Peria”.
Brutto scivolone quello della chiusura della scuola d’infanzia di San Rocco, non gli si è morsa la lingua quando hanno decretato la definitiva dismissione dello storico asilo di San Rocco? Al di là del depauperamento dei servizi essenziali ai cittadini residenti in quella località quello che più rattrista è la cancellazione di un pezzo di storia dell’educazione a Portoferraio e solo perché il Peria e company non vogliono spendere soldi per la manutenzione su edifici di non proprietà. Cosa ne pensano i loro familiari più anziani che lo hanno frequentato, cosa ne pensano i cittadini di Portoferraio. Per una scuola storica come la scuola dell’Infanzia di San Rocco i soldi non si possono spendere, per i carrozzoni fallimentari salva poltrone si. Mandiamo a casa i Presidenti di quei carrozzoni e conserviamo un servizio di primordine.
Il Sindaco sa cosa fanno gli uffici preposti al controllo degli edifici pubblici o di uso pubblico? in meno di due mesi, prima ci si fa chiudere un plesso scolastico, scuola dell’infanzia di San Giovanni, ora e guarda caso a ridosso, il giorno prima, di un ispezione dell’Ingegnere responsabile dei sopralluoghi tecnici agli edifici scolastici del Ministero dell’Istruzione è stato chiuso anche il plesso dell’infanzia di San Rocco.
Al di là delle critiche all’inefficienza dell’Amministrazione Comunale di Portoferraio e degli uffici preposti alla manutenzione e conservazione delle strutture pubbliche di proprietà o in affitto. Il Peria e company si rendono conto dei rischi che hanno fatto correre ai nostri bambini per l’inefficienza di tali uffici?

Il  Responsabile Organizzativo Lega Nord
Damiano Damiani