Alfano (IdV), Scattarella chieda scusa e sia espulso da trasmissione tv

4
180

“Il signor Massimo Scattarella, che mi era completamente sconosciuto fino a oggi, ha pronunciato nel corso di una trasmissione televisiva parole di una gravità inaudita e che colpiscono senza ombra di dubbio la sensibilità di tutti gli italiani dotati di senso civico” riferisce in una nota l’eurodeputato dell’IdV e Presidente dell’Associazione Nazionale Familiari Vittime della Mafia Sonia Alfano. “Sostenere che la mafia italiana ha un cuore, che è composta da persone intelligenti e che il capo dei capi è bello, è un atteggiamento disgustoso e va assolutamente censurato. Chiedo al signor Scattarella di venire a dire queste cose ai familiari delle vittime di mafia, che – sottolinea Sonia Alfano – sicuramente saranno disposti ad ascoltare le sue ragioni e le sue tesi sull’intelligenza e il cuore di chi ci ha portato via i nostri cari con la violenza e l’arroganza mafiosa. Se questo signore ha una dignità – conclude – chieda immediatamente scusa, e le autorità competenti prendano provvedimenti nei suoi confronti espellendolo dalla trasmissione durante la quale si è reso protagonista di questo squallido monologo.”

4 Commenti

  1. Molte persone stanno utilizzando il gf 10 (programma che dovrebbe essere un momento di simpatia e divertimento) per screditare, minacciare, e ledere gli altri concorrenti di cui non si è fans!! Si sta ora cercando nuovamente di screditare il personaggio di Massimo Scattarella, Massimo non ha fatto altro che raccontare tutte cose VERE, senza elogiare, ma semplicemnte raccontare, E nel momento in cui ha pronunciato la parola bello si riferiva al TELEFILM capo dei capi…anche perchè non c’è niente da dire è stato un bel telefilm anche se il tema trattato riguarda una crudele relatà del mondo!!!! Volete tanto fare i giustizieri, siete bravi a fare i forti contro chi non fà nessuna paura, ma perchè tutto questo coraggio e questa grinta non la utilizzate per combattere la mafia, la violenza, e per mettere in discussione questa società ormai corrotta… SIETE RIDICOLI!! Create casi di stato per futili questioni mentre chiudete gli occhi per questioni di maggior importanza!!!!

  2. Agnese, il signor Massimo è stato molto chiaro e ha detto cose irripetibili. Il contesto “familiare” al quale si riferisce era una trasmissione tv, vista da milioni di persone. Creda, TUTTI i familiari delle vittime di mafia si sentono offesi e feriti da questa vicenda.

  3. Le parole di Massimo vanno contestualizzate e si riferiscono ad un mese fa , ormai. La mafia è una realtà come voi ben sapete e c’è ancora la libertà di pensiero e parola. Massimo Scattarella ha parlato in un ambiente “familiare”, come fosse tra amici mentre qui lo si sta attaccando con durezza in modo esagerato. E’ lecito sentirsi offesi ma quando si subisce un forte trauma non è condannando una persona che non c’entra che si riesce a sentirsi meglio. Forse lui parla della sua realtà e questo semmai deve essere motivo di riflessione più che di attacco. Non nascondiamoci dietro alle parole di una persona che non ha fatto nulla di male….

Lascia un commento