Berlusconi: “Resto in campo. Ma non mi candido a premier”

0
129

Londra – Berlusconi ci ripensa. Anzi no. In mattinata su Canale 5: “Delle conseguenze ci saranno. Mi sento obbligato a restare in campo per riformare il pianeta giustizia perché ad altri cittadini non capiti ciò che è capitato a me”.

Lo aveva detto Berlusconi al Tg5, tornando sulla sentenza di condanna di ieri che gli ha inflitto a 4 anni nei suoi confronti per la vicenda dei diritti tv Mediaset.

Nel pomeriggio aprendo la conferenza stampa a Villa Gernetto Silvio Berlusconi ha confermato la decisione dei giorni scorsi: “Confermo la mia decisione di qualche giorno fa di non presentarmi come candidato alla presidenza del Consiglio in modo di facilitare l’unione di tutti i moderati”.

Poi ha confermato anche che nel PdL “si terranno le primarie” e attraverso il confronto “emergeranno protagonisti degni”.