Morto Altero Matteoli

0
578

L’ex ministro Altero Matteoli è morto nell’incidente stradale in cui era rimasto coinvolto sulla via Aurelia all’altezza di Capalbio. Matteoli era stato estratto dalle lamiere dell’auto in fin di vita: i medici hanno tentato di rianimarlo ma non c’è stato nulla da fare.

Altero Matteoli era nato a Cecina l’8 settembre del 194.
Dall’8 maggio 2008 al 16 novembre 2011 è stato Ministro delle infrastrutture e dei trasporti (nel Governo Berlusconi IV) ed è stato dal 2006 al 2011 sindaco del comune di Orbetello (GR).

Esponente del Movimento Sociale Italiano, Altero Matteoli ne è stato segretario regionale per la Toscana.

Cresce politicamente accanto all’On. Beppe Niccolai, storico esponente pisano dell’MSI.

Aderisce ad Alleanza Nazionale nel 1994.

È stato consigliere comunale di Castelnuovo di Garfagnana (LU) e di Livorno per quattro legislature, nonché consigliere provinciale di Livorno, sempre eletto nelle liste del MSI-DN.

È deputato dal 1983 (IX Legislatura) al 2006 (anno in cui è eletto in Senato). Fra le attività parlamentari, è stato membro della Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle associazioni criminali e similari, redigendo una relazione sulla collusione tra mafia e politica.

Nel 1994 è nominato Ministro dell’ambiente nel Governo Berlusconi I fino al gennaio 1995.

Alle elezioni politiche del 2001 è stato eletto alla Camera dei deputati nel collegio uninominale di Lucca per la coalizione della Casa delle Libertà.

Dall’11 giugno 2001 fino al maggio 2006 è tornato a ricoprire la carica di Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio (Governi Berlusconi II e III).

Al termine delle elezioni politiche del 2006 conquista un seggio al Senato e viene nominato capogruppo a Palazzo Madama di AN.

È stato eletto sindaco di Orbetello il 29 maggio 2006, carica nella quale è rimasto fino al 2011.

Il 16 novembre 2013, con la sospensione delle attività del Popolo della Libertà, aderisce a Forza Italia. Il 24 marzo 2014 diventa membro del Comitato di Presidenza di Forza Italia.

Lascia un commento