Sorge e il Vangelo della libertà

0
93

Dal febbraio scorso non vedeva di persona nessuno. Le regole della residenza per anziani dei gesuiti di Gallarate dove si era ritirato da tempo, l’Aloisianum, non glielo permettevano. Eppure stava bene. Gestiva da solo il suo account Twitter dove si mostrava per quello che era, libero e leggero insieme: «Leggo: “Il M5S in due anni ha perso 8 milioni di voti”. E ripenso al detto: “Chi troppo in alto sal cade sovente precipitevolissimevolmente”! », scrive il 24 settembre scorso. Padre Bartolomeo Sorge, 91 anni, nato all’isola d’Elba da genitori di origine catanese, già direttore della Civiltà Cattolica e di Aggiornamenti Sociali , teologo e politologo, grande esperto di dottrina sociale della Chiesa e da sempre impegnato contro la mafia e l’illegalità, è morto per arresto cardiaco ieri mattina, all’improvviso, dopo che come ogni giorno era in piedi da ore. Si svegliava sempre alle tre e trenta, celebrava messa e poi leggeva i giornali. A chi lo incontrava a colazione snocciolava una competente rassegna delle principali notizie del giorno.
Libertà era la parola che più amava. (da La Repubblica)

Lascia un commento