Nuovo direttore, disfida a Pompei

0
20

l parco archeologico di Pompei ha un nuovo direttore. È il 39enne Gabriel Zuchtriegel. La decisione spacca il consiglio scientifico: due le dimissioni. «Non ha esperienza». E lui userà i droni per la manutenzione.
Una nomina e due dimissioni sulla grande scena di Pompei. Ieri il ministro della Cultura (denominazione decisa da Mario Draghi) Dario Franceschini ha annunciato il nuovo direttore del Parco archeologico di Pompei dopo i sette densi anni di Massimo Osanna, ora direttore generale dei Musei: è l’attuale responsabile del Parco archeologico di Paestum e Velia, Gabriel Zuchtriegel, 39 anni, cittadino italiano dal 2020 ma nato a Weingarten, in Germania, sposato, padre di due figli. È stato il più giovane tra i direttori nominati con la prima procedura pubblica internazionale nel 2015. E ora è il responsabile dell’immensa macchina di Pompei.
Fin qui la nomina. Poi, subito dopo, le dimissioni. Lasciano due dei quattro componenti del Consiglio scientifico del Parco: Irene Bragantini, archeologa, 73 anni, per anni autorevole colonna della facoltà di Archeologia all’Orientale di Napoli e celebre per i suoi scavi nel deserto egiziano, e Stefano De Caro, nome notissimo dell’archeologia, 70 anni, ex direttore generale per i Beni archeologici del ministero. Dimissioni immediate e irrevocabili presentate «con vivo disappunto» al direttore generale Massimo Osanna: «Riteniamo che non sussistano le condizioni minime per collaborare con il suo successore». Punto. (da Corriere della Sera, 21 Feb 2021di Paolo Conti)

Lascia un commento