Per una multa negata la cittadinanza ad un cittadino palestinese

0
542

Spett. Redazione italynews
mi chiamo Fadi Karajeh, sono palestinese della Striscia di Gaza con tessera Urnwa, vivo e lavoro a Ravenna e risiedo in Italia da 12 anni.

Mi permetto di inviare la presente per esporLe la mia situazione personale e domandare il Suo aiuto per dare risalto e rendere pubblica la ripetuta violazione nei miei confronti di convenzioni internazionali atte ad evitare discriminazioni razziali e a tutelare i diritti fondamentali dell’uomo, da parte del Dipartimento delle libertà civili, della cittadinanza e delle minoranze del Ministero dell’Interno italiano.

Come potrà evincere dalla corrispondenza intercorsa recentemente tra me e il Ministero dell’Interno mi sento ingiustamente privato del diritto ad avere una cittadinanza (sono rifugiato politico, senza alcuna cittadinanza, non riconosciuto apolide essendo palestinese) in quanto il Ministero dell’Interno intende negarmi il riconoscimento della cittadinanza italiana forte del “potere discrezionale” di cui gode per la valutazione dei requisiti.

Da parte mia contesto la motivazione adottata a sostegno del preavviso di diniego ed indico, sul piano dei diritti umani, le ragioni per cui invece la mia storia personale richiederebbe una illuminata, e non ottusa, discrezionalità nella valutazione dei requisiti.

La condizione di incertezza in cui sono costretto a sopravvivere mi logora giorno per giorno, impotente e senza possibilità di confronto diretto con chi deve decidere del mio futuro e della mia libertà e dignità personale, disgustato del fatto che se fossi un personaggio famoso o avessi contratto un matrimonio di convenienza oggi non mi troverei in questa situazione, perché sarei stato degnato di maggiore considerazione umana; non pretendo che la cittadinanza mi venga “regalata” ma chiedo che mi venga concessa avendone i requisiti oltre alla reale necessità di averne una e non al solo scopo di evitarmi lungaggini burocratiche come, invece, per la stragrande maggioranza dei richiedenti la cittadinanza.

La prego vivamente di aiutarmi alla luce del vostro ruolo e del vostro impegno all’informazione publica.

Vi ringrazio per l’attenzione riservatami, dichiarandomi disponibile a fornirVi ogni necessario chiarimento.

Con i migliori saluti.

Fadi Karajeh

Lascia un commento