Aeroporto Elba, da domenica i nuovi voli per Milano e Ginevra

0
994

Firenze – Da domenica prossima, primo luglio, due nuovi voli operati da Intersky collegheranno l’Isola d’Elba con Ginevra e Milano (Orio al Serio). Entra, dunque, a pieno regime la programmazione estiva dei voli da e per l’aeroporto di Marina di Campo, un altro passo importante nel piano di rilancio dell’aerostazione previsto da AlaToscana, la società che lo gestisce e che è compartecipata da Regione Toscana, Sat e Camera di Commercio di Livorno.

I nuovi voli potenzieranno l’offerta di collegamenti utili al turismo. Per chi proviene da Milano o più in generale dal nord Italia sarà più comodo pianificare sia un fine settimana all’Elba, mentre la frequenza del volo da/per Ginevra renderà facili vacanze settimanali dei turisti svizzerri interessati a godersi il mare dell’Arcipelago toscano.

Ecco gli orari dei due nuovi voli:
Elba-Milano Orio al Serio: domenica, partenza ore 15.30, arrivo ore 16.30;
Milano Orio al serio-Elba: venerdì, partenza ore 14.50, arrivo ore 15.50
oppure domenica, partenza ore 10.00, arrivo ore 11.00.
Elba-Ginevra: domenica, partenza ore 11.30, arrivo ore 13.00;
Ginevra-Elba: domenica, partenza ore 13.30, arrivo ore 15.00.
“La stagione estiva entra nel vivo e con questi nuovi voli l’Elba è più vicina al nord Italia e al nord Europa  – ha detto l’assessore regionale ai trasporti Luca Ceccobao- siamo soddisfatti nel vedere crescere i collegamenti nazionali ed internazionali. Abbiamo fiducia nel piano di rilancio dell’aeroporto di Marina di Campo proposto e portato avanti da Alatoscana. Adesso dobbiamo portare a termine il potenziameto infrastrutturale dell’aerostazione. La Regione crede nelle potenzialità e nella crescita di questo piccolo ma importante scalo”.

“Siamo certi che i nuovi voli, in questo momento così complesso per la nostra economia, contribuiranno a sostenere il turismo sia nazionale che internazionale – ha detto l’ingegner Claudio Boccardo, amministratore unico di Alatoscana – Ringraziamo dell’aiuto e del sostegno gli azionisti che hanno contribuito a rendere possibile tali nuovi collegamenti”

Ad oggi Intersky, principale partner di Alatoscana, opera già voli su Zurigo (mercoledì e sabato fino al 20 ottobre), Monaco (sabato, fino al 20 ottobre) e Friedrichsafen (mercoledi, sabato fino al 20 ottobre e venerdì fino al 24 agosto). Via friedrichsafen, tramite la rete di collegamenti Intersky, l’Isola d’Elba è inoltre collegata a Londra, Copenaghen, Mosca, Amsterdam, Stoccolma, Oslo, Bruxelles, Parigi e New York.
Ai collegamenti Intersky si aggiungono inoltre quello con Berna (giovedì, sabato e domenica fino al 27 ottobre) operati da Skywork e quello con Milano Malpensa (lunedì, giovedì, venerdì, sabato e domenica fino al 20 ottobre) operato da Silver Air. Per maggiori informazioni sui voli e sugli orari consultare il sito http://www.elbaisland-airport.it/info-voli/orario-voli/

L’aeroporto di Marina di Campo:
L’aeroporto di Marina di Campo (EBA) è la porta che apre l’accesso via aria all’isola del’Elba ed a tutto l’Arcipelago toscano. fa parte del Trans european airport network ed ha rilevanza strategica per fini di protezione civile ed emergenza sanitaria. Ma sua vocazione principale è turistica. Lo scorso anno ha accolto 15.841 viaggiatori, dei quali oltre il 70% proveniva dall’estero. Per il 2012 si stima un traffico di 19.000 viaggiatori (le stime calcolano anche il traffico che sarà generato dalla continuità territoriale con il resto della Toscana quando si concluderà la gara Enac per l’assegnazione del servizio). Tra i turisti (dunque escludendo il volume di traffico interno alla Toscana) si prevede il 73,5% di traffico internazionale.

Il piano di rilancio:
Il rilancio dell’aeroporto elbano predisposto da Alatoscana si articola su più fronti. Da una parte nuovi collegamenti tra l’Arcipelago toscano e il resto del mondo, dall’altra un importante potenziamento infrastrutturale. Il Piano degli investimenti 2012-16 prevede quasi 4 milioni di euro di interventi per migliorare la viabilità di accesso all’aeroporto, realizzare la nuova aerostazione e modificare la pista di atterraggio e decollo in modo da renderla adatta anche ad aerei da 70 posti.