Coronavirus, lettera di un operatore sanitario

0
79

Londra – RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Per chi di noi lavora in Sanità in questo periodo di “guerra” sono ricorrenti alcune cose da rimarcare.

C’era l’esempio della Cina con lo sviluppo della  malattia e anche con l’assoluta osservanza delle regole.

Il peccato è stato che la Cina ,dalla quale si è diffuso il virus,non abbia avvisato in tempo .Però: proprio nel Centro di origine ,non c’era anche l’Oms? E allora perchè non ha divulgato la notizia ?

Sappiamo che in Italia è arrivato nel milanese da un tedesco contagiato da una collega cinese ammalata, che venne in zona per lavoro.      Anche la  Germania, però, non disse nulla.

In Italia il Governo ha fatto e fa più di un errore: hanno iniziato ,come sempre,a dare del razzista e dello sciacallo (e proprio quelli che accusano di seminare odio) a chi chiedeva di chiudere subito frontiere e iniziare a chiusure in vari settori

Finchè ci si è arrivati con grande ritardo, seguiti da altri Stati.

Regna una grande confusione:mancano test,mascherine,respiratori vari materiali Il personale sanitario è sovraesposto e sfinito .Che però per politici e loro parenti, calciatori etc. ci sono.
Manca un serio filo logico che ti induce al confronto con altri preparati più di noi Riceviamo aiuto da esperti cinesi,cubani,russi ecc Ma nessuno, a suo tempo ha messo in quarantena chi arrivava, specie dopo il Capodanno cinese.

E ora?
Molti poveri se ne sono andati; molti sono positivi; altri asintomatici; famiglie disastrate e economia a picco.

Chi da Roma ha devoluto almeno uno stipendio,un vitalizio? Solo in due.

E parliamoci chiaro, per chi arriva: ci sono  soldi su soldi, asssistenze e varie e qui?

Il Vaticano dov’è?
E Gino Strada? Solo qualcuno dei suoi.

Vergognoso anche questo contrasto sui  medicinali. Lo Spallanzani che vorrebbe gestire, esperti in contrasto con mutamento di opinioni

Insomma situazione assurda con la politica in primis.

E nel momento in cui ognuno di noi dovrebbe ritrovare la fratellanza ,ci sono lamentele dal sud verso il nord E,mi spiace,ma molti di noi hanno trovato lavoro al nord e ambiente e famiglia, per cui dovremmo ritrovare solo gratitudine

Guardiamo l’enorme folla che ha iniziato a rientrare al sud e riflettiamo.

E ricordiamo che quello che succede a altri ben presto potrebbe accadere a noi.

EM

Enrico Marino  E:M:

Lascia un commento