Insonnia, patologia da non sottovalutare

0
325

È dimostrato che circa un quarto della popolazione sopra i 40 anni dorme male o soffre di insonnia, vera e propria patologia da non trascurare. Il sonno di scarsa qualità o la privazione del sonno possono essere, infatti, associati a significativi problemi di salute, come l’obesità, il diabete ed il sistema immunitario indebolito. Mentre dormiamo, non ci spegniamo, anzi. Il nostro sonno è un fenomeno attivo che svolge tante importanti funzioni nell’ambito della conservazione delle nostre funzioni cognitive, della nostra competenza immunologica e nella protezione cardiovascolare. Adoperarsi per una qualità ottimale del sonno vuol dire prevenire.

Riconoscere il problema ed affrontarlo. Per i professionisti della storica Farmacia La Rosa di Piazza Europa il primo passo da compiere è sempre quello della consapevolezza, capace di attivare percorsi ed individuare soluzioni.   

Una di queste arriva dai preparati galenici: la Tisana Linea Blu, per favorire il sonno o il rilassamento in caso di stress. È a base di melatonina che regola il ritmo circadiano dell’organismo; di valeriana, con effetto rilassante e ansiolitico; di biancospino, che regola il ritmo cardiaco, diminuendo le palpitazioni e con un’azione sedativa sul sistema nervoso e, tra gli altri ingredienti, di escolzia, utile anche in caso di disturbi dell’umore oltre che del sonno.

Difficoltà ad addormentarsi e a mantenere il sonno per l’intera durata con risvegli notturni e frequenti e risvegli anticipati alla mattina. È così che può manifestarsi l’insonnia, fenomeno quasi sempre conseguente a cattive abitudini e stili di vita non corretti.

Tra le altre cause, vi sono anche lo stress cronico, l’ansia, la depressione, le malattie e dolore fisico, l’iperattività della tiroide, fattori ambientali, l’assunzione di farmaci, allergie e condizioni particolari come il russamento o la presenza di apnee notturne.

Articolo precedenteGiornata Mondiale dell’ulivo
Prossimo articoloRende: presentato il nuovo Piano di raccolta rifiuti

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here