Cosenza, “Sensibilizziamo all’uso corretto degli antibiotici”

0
224

Sensibilizzare ad un uso prudente ed adeguato degli antibiotici è importante per prevenire l’insorgere e la diffusione della resistenza, meccanismo naturale di difesa dei batteri. Contribuire a fronteggiare quella che è una delle più gravi minacce alla salute pubblica è un impegno che come presidio sanitario di prossimità le farmacie possono e devono portare avanti.

Cultura della salute, per la storica farmacia La Rosa di piazza Europa, 10, a Cosenza, questo impegno continua a tradursi a parole con questo motto; nei fatti e nel metodo con un approccio costante al dialogo e alla corretta informazione verso i propri clienti. 

L’antibiotico resistenza è un rischio non solo sanitario ma anche sociale ed economico. È stimato che nel 2050 (Fonte The Economist), le infezioni batteriche causeranno circa 10 milioni di morti all’anno, superando ampiamente i decessi per tumore (8,2 milioni), diabete (1,5 milioni) o incidenti stradali (1,2 milioni) con una previsione di costi che supera i 100 trilioni di dollari.

Gli antibiotici sono uno strumento essenziale per contrastare diversi tipi di infezione. Per esempio, le operazioni chirurgiche, semplici o complesse, non potrebbero essere eseguite senza l’ausilio di questi farmaci. Un abuso e utilizzo eccessivo e inappropriato, che facilita lo sviluppo di batteri resistenti ne limita l’efficacia.

Per contrastare le infezioni e la diffusione dei batteri resistenti nella vita di tutti i giorni è utile attuare buone pratiche, come l’igiene delle mani, nonché lo screening e l’isolamento dei pazienti infetti/colonizzati negli ospedali.

Tra le specie batteriche più importanti divenute resistenti agli antibiotici ci sono lo Staphylococcus aureus, che può causare infezioni della cute e di tutto l’organismo (setticemia); la klebsiella pneumoniae, che provoca setticemie, infezioni urinarie e polmonari; il campylobacter, che causa infezioni intestinali e l’escherichia coli che può provocare diversi tipi di infezioni, tra le quali le più comuni sono le infezioni urinarie. –

Articolo precedenteManna scrive al presidente De Caro: dagli studenti idee innovative per la città del futuro
Prossimo articoloRende, ecco il parco inclusivo più grande d’Europa

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here