Champions League, atto finale: a Madrid prove di inno

0
165

Non è più di tempo di attese, stasera si gioca una finale di Champions League, particolarissima: tutta inglese, con gli esperti del Liverpool che tornano sul luogo del delitto, dove furono vittima un anno fa, a giocarsela con gli sbarbatelli del Tottenham, alla prima finale europea della loro lunghissima storia. Un atto finale attesissimo e meravigliosamente organizzato, a Madrid, dove il Wanda Metropolitano avrà il suo battesimo europeo senza Spagna e Atletico. Appuntamento alle 21 per un confronto apertissimo che terrà tutti gli appassionati incollati allo schermo. Seguiremo l’avvicinamento alla sfida su TMW per tutta la giornata, di seguito i principali aggiornamenti provenienti dalla capitale spagnola:

13.05: anche il Tottenham al Wanda Metropolitano – Anche gli Spurs sono allo stadio madrileno: in corso infatti la rifinitura della squadra di Pochettino in vista della gara di stasera.

12.52: anche Hyypiä non si perderà la sfida – La leggenda dei Reds Sami Hyypiä ha sfidato il caldo di Madrid per seguire la squadra del suo cuore: alla UEFA, fa un pronostico piuttosto chiaro. 0-3 in favore del Liverpool.

12.39: il Liverpool è arrivato al Wanda Metropolitano – Il Liverpool, con il pullmann della squadra, è arrivato ora al Wanda Metropolitano e sta facendo il suo ingresso nell’impianto spagnolo. Dopo il risveglio muscolare, un piccolo pranzo e i giocatori faranno una seduta video con Klopp, che annuncerà la formazione.

12.26: calano le chances di Firmino dal 1′ – Il grande dubbio, quello riguardante Roberto Firmino, dovrebbe essere sciolto nel pomeriggio: in questo momento il brasiliano non sembra essere favorito per una maglia da titolare, con Klopp che teme di giocarsi subito un cambio. Piuttosto meglio preservarlo per l’ultima mezz’ora, anche alla luce delle buone risposte date da Origi.

12.21: prove di inno al Wanda Metropolitano – Prove di inno della Champions League al Wanda Metropolitano: una canzone che lo stadio conosce bene d’altronde. Oltre alla nota musica, anche la distinta delle formazioni, finte ovviamente. Per quelle vere appuntamento alle 20 di stasera circa.

12.11: Kane non può davvero mancare Gli Spurs hanno la sensazione di avere un’occasione importantissima e quasi unica, questa finale sembra essere una sorta di ultima chiamata per un gruppo che ha comunque fatto vedere grandi cose negli ultimi anni. Con Kane a mezzo servizio, Pochettino si è affidato a Son e a Lucas, ma a quanto pare il brasiliano che ha tolto le castagne dal fuoco contro l’Ajax potrebbe partire dalla panchina. In porta confermato Lloris, difesa a quattro composta da Trippier, Alderweireld, Vertonghen e Rose. In mediana spazio a Winks e Sissoko, con Eriksen, Alli e Son sulla trequarti. L’unico dubbio rimane Kane, che non gioca da più di un mese. L’attaccante inglese è a Madrid e se starà bene giocherà dal primo minuto, ma i dubbi saranno sciolti soltanto a pochi minuti dall’inizio della sfida.

TOTTENHAM (4-2-3-1): Lloris; Trippier, Alderweireld, Vertonghen, Rose; Winks, Sissoko; Eriksen, Alli, Son; Kane.
A disposizione: Gazzaniga, Lamela, Dier, Llorente, Wanyama, Foyth, Davies.
Allenatore: Mauricio Pochettino

11.48: ultimi ritocchi al rettangolo verde – Chi dovrà essere in gran forma stasera è il campo di gioco, per permettere ai 22 protagonisti di dare il meglio in questo appuntamento storico: e la UEFA fa sapere come siano in corso gli ultimi ritocchi al verde prato del Wanda Metropolitano.

11.37: nel Liverpool il dubbio è Firmino – Passiamo al campo: i Reds arrivano dalla sconfitta dello scorso anno e cercheranno in tutti i modi di riportare in bacheca un titolo che manca ormai da 14 anni. Per questo derby inglese l’ex Borussia dovrà fare a meno di Keïta, mentre Firmino è in dubbio. Se starà bene giocherà lui dal primo minuto, l’eventuale alternativa verrà scelta nelle prossime ore. Solito 4-3-3 con Alexander-Arnold, Matip, Van Dijk e Robertson a protezione di Alisson. In mediana spazio ad Henderson, vero equilibratore di questa squadra, con Fabinho e Wijnaldum favoriti per una maglia. In attacco non si cambia: Salah, Firmino e Manè guideranno l’attacco in questa finale di Champions League.

LIVERPOOL (4-3-3): Alisson; Alexander-Arnold, Matip, Van Dijk, Robertson; Fabinho, Henderson, Wijnaldum; Salah, Firmino, Mané.
A disposizione: Mignolet, Milner, Lovren, Sturridge, Origi, Shaqiri, Gomez.
Allenatore: Jürgen Klopp

11.26: parla il prodigio Alexander-Arnold – Alexander-Arnold, terzino destro del Liverpool, è intervenuto ieri in conferenza stampa alla viglia di Liverpool-Tottenham. Queste le sue dichiarazioni: “Noi abbiamo raggiunto la finale anche l’anno scorso, per loro invece si tratta della prima volta. In termini di qualità le due rose sono simili: sarà una vera battaglia e dovremo dimostrare che vogliamo questo trofeo più dei nostri avversari. Mi aspetto una gara tattica da parte di entrambe le squadre”.

11.20: il duello Kane-Salah visto dalla UEFA – Inevitabilmente, i tanti duelli individuali, anche a distanza, che stasera decideranno la sfida sono stati oggetto di analisi. Secondo la UEFA, questo è il risultato della sfida Kane-Salah

11.07: l’Albo d’Oro dice Real Madrid – Nottata assolutamente positiva, solo un po’ di disordini in una bar nella notte, con quattro fermi, ma nessuno scontro violento, né tra tifoserie né con la polizia. In questo momento clima sereno, seppur caldo.

10.53: quanti ex di prestigio a Madrid – Madrid fa il pieno di leggende e dirigenti del passato in questo giorno speciale. Da Xabi Alonso a Gerrard da Dudek a Materazzi, Milito, Butragueno, Riedle, Cambiasso, Smicer, Pirlo, Ronaldo, Lineker, Ferdinand e tanti altri, lo stadio sarà popolato di grandi giocatori del recente passato

10.43: l’Albo d’Oro dice Real Madrid – Chi sarà l’erede del Real Madrid sul trono d’Europa? Il Liverpool, che potrebbe così sedere da solo sul terzo gradino del podio del numero di vittorie di Champions League, o il Tottenham, alla prima finale della storia? Questo l’albo d’oro completo, dal Real Madrid al Real Madrid. Dai Blancos ai Blancos, stavolta sarà un’inglese a salire sul trono del Vecchio Continente.

13 vittorie Real Madrid
7 vittorie Milan
5 vittorie Bayern Monaco, Barcellona, Liverpool
4 vittorie Ajax
3 vittorie Inter, Manchester United
2 vittorie Juventus, Benfica, Nottingham Forest, Porto
1 vittoria Celtic, Amburgo, Steaua Bucarest, Olympique Marsiglia, Borussia Dortmund, Chelsea, Feyenoord, Aston Villa, PSV Eindhoven, Stella Rossa.

10.28: “Clashico”, “Here we go” e “Immortals”, le aperture in Inghilterra – Sui tabloid inglesi ovviamente c’è spazio solo per la finale di Champions League e il Daily Star opta per una foto di Jurgen Klopp in prima pagina: “La brama del Wanda”, titola il quotidiano che punta poi sulla voglia del tecnico del Liverpool di vincere la sua prima Champions: “Klopp è disperato nel poter mettere le mani sulla coppa”.

“Here we go”, titola invece il Daily Express che incita le due squadre a dare grande spettacolo. Sulla prima pagina da una parte c’è Kane, ancora in dubbio, dall’altra van Dijk simbolo della grande stagione del Liverpool: “Da incredibili viaggi alla finale: è il momento cruciale”.

“Immortali”, titola il Mirror che in prima pagina lascia spazio ai due faccioni di Pochettino e Klopp. “Questa sera diventeranno leggende e Klopp insiste che il Tottenham è pronto a fare la storia mentre Klopp esalta la passione dei Reds per arrivare al loro ”destino””.

“Clashico”, titola infine il The Sun che gioca con la parola Clasico, la grande sfida tutta spagnola tra Real Madrid e Barcellona. Questa volta però la sfida sarà tutta inglese e la foto principale è quella di Harry Kane ma ci sono anche Klopp e Pochettino che hanno parlato alla vigilia di questa finale

10.20: clima torrido e grande passione per le strade – Città già stracolma di tifosi e gran caldo (nel pomeriggio sono previsti 35 gradi). La passione divampa però ancor più del clima torrido: la fanzone Liverpool a Goya si sta già riempiendo, i tifosi del Tottenham sono invece più disorganizzati, allo stato attuale. All’inizio della sfida, lo ricordiamo, mancano più di 10 ore.

 

Lascia un commento