Tottenham, le prime parole di Mourinho: “Un privilegio essere qui”

0
63

Prima intervista ufficiale di José Mourinho come nuovo tecnico del Tottenham. Il portoghese ha parlato della nuova avventura, cominciata ufficialmente oggi, ai canali ufficiali del club londinese: “Non potrei essere più felice, e se non lo fossi ora non sarei qui. Posso promettere passione: passione per il mio lavoro ma anche passione per il mio club. È un privilegio quando un allenatore viene ingaggiato da una squadra e prova felicità pensando a quello che troverà. Queste non sono parole di circostanza, non sono parole che dico solo dopo essere diventato l’allenatore del Tottenham. Sono parole che ho detto e ripetuto negli ultimi tre, quattro o cinque anni, anche quando ero un avversario. Non esiste un allenatore al mondo che non vorrebbe avere questi giovani e aiutarli a migliorare”.

Primo obiettivo: risalire in campionato – “In Premier League, il Tottenham non è nella posizione che gli compete, ma bisogna pensare partita per partita. Vogliamo vincere la prossima, quella successiva e quella successiva ancora. E sarà così fino all’ultima giornata. Alla fine della stagione, vedremo dove saremo, ma so che saremo in una posizione diversa rispetto a quella attuale”

Elogi al club –: “Quando si dice che il nuovo stadio è bellissimo, si pecca di umiltà. Bisogna dire invece che è il migliore stadio del mondo. La città dello sport non è peggio di nessun’altra, può essere paragonata solo ad alcuni campi di allenamento negli Stati Uniti. Non è possibile confrontarla con nessun centro sportivo in Europa, e io sono stato nella maggior parte di essi. Le condizioni di lavoro qui sono incredibili”.

Lascia un commento