NBA, LeBron James l’uomo del 2020 dentro e fuori dal campo

0
141

Un mese fa è riemersa una vecchia intervista di LeBron James che è diventata rapidamente virale su Twitter. Il filmato proveniva da un programma chiamato HBO’s On the Record with Bob Costas che è stato registrato poco prima che James facesse il salto dalla St Vincent-St Mary High ai ranghi professionali. A quel punto era già una sensazione nazionale – Sports Illustrated lo aveva presentato sulla copertina più di un anno prima sotto il titolo THE CHOSEN ONE – avendo trascorso la sua ultima stagione di basket al liceo in un tour di barnstorming che ha riempito palestre e arene in tutto il paese e saziare l’intensa curiosità di un mondo pre-YouTube.

La clip dura solo 33 secondi, ma è tempo più che sufficiente per dare un’idea dell’estrema pressione che questo dilettante di 18 anni ha dovuto affrontare sulla soglia del suo destino. “Come ci si sente a sapere che se alla fine non sei un giocatore di calibro di Hall of Fame … molte persone diranno che sei un fallito o che sei sopravvalutato?” Chiede Costas.

Sei giorni dopo la messa in onda dell’intervista, LeBron sarebbe stato scelto dai Cleveland Cavaliers con la prima scelta assoluta del draft NBA 2003. Il resto, come si suol dire, è storia. Diciassette anni dopo, è sicuro dire che King James, il talismano dei LA Lakers, l’atleta più importante d’America e il volto indiscusso del basket, è riuscito non solo a soddisfare, ma anche a superare le aspettative positivamente assurde accumulate su quelle spalle adolescenti.

Mercoledì ha compiuto 36 anni, il che significa che ha trascorso quasi la metà della sua vita come giocatore NBA. Ha vinto campionati con ciascuna delle tre squadre per cui ha giocato. Salvo un grave infortunio o qualche altro sviluppo inaspettato, si ritirerà come capocannoniere di tutti i tempi del campionato mentre finirà in cima o vicino a diverse altre principali categorie statistiche.

Eppure è chiaro da tempo che James non sarà soddisfatto se il basket rappresenta la totalità del suo impatto. Il suo ingresso nell’arena della giustizia sociale è stato attento e misurato negli ultimi dieci anni: un tweet del 2012 che dichiarava #WeAreTrayvonMartin; la maglia I CAN’T BREATHE indossata prima di una partita del 2014; l’apertura di una scuola pubblica nella sua città natale di Akron. Poi Donald Trump ha iniziato a cooptare gli sport americani come teatro principale nelle guerre culturali, lanciando la sua sensazionale bordata su Colin Kaepernick e facendo giostre con Stephen Curry sulla sua decisione di revocare l’invito non accettato dei Golden State Warriors per la visita alla Casa Bianca tradizionalmente esteso a squadre vincitrici di campionato.

Piuttosto che aderire all’apoliticismo quasi patologico “i repubblicani comprano anche scarpe da ginnastica” favorito dai suoi predecessori, James si è appoggiato a lui. E non si è fermato qui. Quest’anno James ha elevato il suo attivismo a nuovi livelli. Con il mondo dello sport a un punto morto a causa della pandemia di coronavirus e in mezzo a disordini a livello nazionale per gli omicidi della polizia di George Floyd a Minneapolis e Breonna Taylor a Louisville, LeBron ha collaborato con un gruppo di importanti atleti e intrattenitori per lanciare More Than a Vote, un 501 (c) (4) organizzazione senza scopo di lucro volta a informare, proteggere e denunciare gli elettori afroamericani. “Non abbiamo mai detto a nessuno per chi votare o per chi non votare”, ha detto. “Non abbiamo mai parlato di un candidato o di un altro candidato. Volevamo solo che le persone esercitassero la loro opportunità di votare e creare cambiamento “.

È impossibile calcolare se l’attivismo indotto da Trump nell’accettare uno scontro con LeBron e co abbia giocato un ruolo decisivo nella sua sconfitta. Ma è altrettanto difficile ignorare i margini sottili come un rasoio negli stati del campo di battaglia che sono stati punti critici nel movimento. Quando l’America è andata alle urne a novembre, poco dopo che James ha portato i Lakers al 17 ° campionato NBA, record della squadra, più di 20 squadre sportive professionistiche hanno convertito le loro arene e stadi in centri di voto su sollecitazione dei loro giocatori.

James era in testa in una corsa che ha visto i repubblicani cercare di deprimere l’affluenza tanto disperatamente quanto i democratici cercavano di espanderla, il vantaggio era chiaro. Pochi atleti d’élite hanno critiche più fuorviate di James, la cui storia di vita incarna il sogno americano. È cresciuto con sua madre single in un modesto appartamento ad Akron, ha lavorato migliaia di ore per coltivare il suo mestiere, ha trovato un lavoro retribuito dopo aver compiuto 18 anni ed è stato abbastanza compensato per le sue capacità.

Ha raggiunto la maggiore età in un periodo in cui i social media sono esplosi in popolarità – quando una celebrità si mette a tacere si diffonde globalmente in pochi minuti – eppure è stato un modello di buon comportamento dentro e fuori dal campo. E ora, nell’autunno della sua carriera, sta imparando a sfruttare la sua piattaforma come pochi atleti prima di lui. Allora come si è sentito il diciottenne LeBron riguardo a queste aspettative? Guardando indietro alla sua risposta di mezza vita fa, non c’è da meravigliarsi se è andato tutto bene. “Non lo considero come uno sguardo al futuro”, ha detto James. “Prendo ogni momento in quel momento perché non ti è stato promesso domani. Questo è ciò su cui mi ha cresciuto mia madre. Dico sempre che cerco di migliorare ogni giorno in quello che faccio”.

Lascia un commento