Consorzio di Tutela dei Fichi di Cosenza Dop

0
71

E’ stata presentata in conferenza stampa la campagna di comunicazione per il Consorzio di Tutela dei Fichi di Cosenza DOP, tipicità agronomica del territorio che punta a volare sempre più in alto.
Non solo nuove grafiche, un nuovo sito web ed una comunicazione che, a tutto tondo, coinvolge i consumatori ma soprattutto un più ampio progetto in cui si inseriscono anche due collezioni di abbigliamento e di gioielleria a cura di artisti ed esperti calabresi che, ispirandosi ai Fichi di Cosenza DOP, trasformeranno un semplice frutto della terra in una eterna preziosità.
Presenti all’incontro, l’Assessore regionale all’Agricoltura, Gianluca Gallo; il Direttore commerciale di Smart Network Group, Marco Olivito; il coordinatore del progetto di recupero del Fico Dottato di Cosenza, Angelo Rosa; il Presidente del Consorzio di Tutela dei Fichi di Cosenza DOP, Anna Garofalo; la stilista Luigia Granata che, insieme al gemmologo Giuseppe Elettivo, hanno realizzato le strepitose collezioni e la parure di gioielli ispirata alle forme del fico.
Momento principe della conferenza stampa, tenutasi all’Hotel President di Rende, è stata la proiezione degli spot realizzati da Smart Network Group, agenzia che ha curato l’intera comunicazione del Consorzio: prendono spunto dalla lontana tradizione della coltura del fico che, di generazione in generazione, arricchisce le tavole dei calabresi diventando sempre più amato. Protagonisti degli spot, infatti, sono stati proprio i bambini, linfa vitale della nostra terra che hanno arricchito il ruolo centrale dell’attrice di punta, Ilde Mauri, anch’essa calabrese, con anni di esperienza nel settore del cinema a Roma.
Grazie a tutto il lavoro di strategie di comunicazione, il fico non invecchia mai diventando sempre più giovane e lungimirante, in grado di rendersi competitivo tra i prodotti agroalimentari calabresi, considerato dagli esperti un integratore alimentare naturale: un brand fresco e moderno sul mercato, dalle grandi potenzialità.

Articolo precedenteRoma-Napoli 0-0, azzurri frenano
Prossimo articoloApprovazione del piano di Distretto del cibo “Serre Cosentine”

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here