Primo trimestre 2019 del Noleggio a lungo termine: -10,91%

Il 2019 inizia con una flessione! Primo trimestre 2019 del noleggio a lungo termine con -10,91% e nel breve termine con -17,51%. Il noleggio conferma il trend negativo registrato a fine 2018.

0
260

I dati raccolti sul primo trimestre 2019 del noleggio a lungo termine confermano il trend negativo registrato a fine 2018. Secondo quanto raccolto da Dataforce, infatti, i veicoli immatricolati in questa categoria nel primo trimestre 2019 sono 84.075 contro i 94.369 dello stesso periodo del 2018 con una flessione del -10,91%.

Non va di certo meglio il noleggio a breve termine. La flessione, infatti, è ancora maggiore con 64.723 veicoli contro i 78.461 del 2018 registrando quindi un -17,51%.

Il noleggio a lungo termine torna così ai livelli del 2017. Nel primo trimestre 2017 le immatricolazioni erano, infatti, 84104. All’epoca le stime prevedevano un leggero rallentamento a fine 2017 e una crescita costante sino al 2021. Le statistiche attuali ci dicono che le cose sono andate in maniera opposta.

Primo trimestre 2019 del noleggio a lungo termine: chi sale e chi scende
A segnare il maggior rallentamento è il segmento NLT top, cioè quello dei noleggiatori “generalisti” con un -16,90%, con un grosso picco negativo nel mese di Marzo. D’altra parte, il segmento è quello che detiene il maggior numero di immatricolazioni. In particolar modo sono i big a soffrire maggiormente, ad eccezione di Arval che invece cresce del 9,1%. Col segno meno vediamo quindi: ALD -40,9%, Leaseplan -27,3% e CarServer -5,7%. In particolar modo ALD segna una pesante discesa che la porta a perdere la posizione di leader che aveva conquistato a fine 2018.

Il segmento NLT Captive, cioè delle società controllate dalla casa costruttrice, segna un rallentamento inferiore, con un -5,6% e un ottimo andamento nel mese di Marzo. In questo segmento a far la parte del leone è Leasys, che però perde -8,5% ma, a fronte di un ridimensionamento degli altri players, aumenta la sua quota di market share che è al 26,5%. Volkswagen, altro big del segmento, registra una lieve crescita con +1,9%.

Primo trimestre 2019 noleggio a breve termine: – 17,51%
ll comparto segna in generale una brusca frenata con un -17,51%. Rallentano particolarmente le aziende NBT Top che con -31,90% trascinano al ribasso tutto il noleggio a breve termine. Quest’anno, nel primo trimestre le 5 aziende top hanno immatricolato 19851 veicoli in meno dell’anno scorso.

In generale diminuiscono le immatricolazioni per tutte le big, come era già avvenuto nell’arco del 2018. Hertz -23,5% , Sixt -15,20%, Goldcar -54,60%. Ma le perdite maggiori sono di Rent a Car Italy che passa da 5395 veicoli ad appena 681 con una perdita del 87,40%. Ma uno degli scivoloni più impressionanti è quello del gigante Europecar che passa da 7858 veicoli a 1687 con una perdita del 78,50%. Nel primo trimestre 2018 era il terzo operatore NLB con un market share del 10% che passa a oggi a 2,6%. Avis registra una perdita del -8,3% che risulta lieve se paragonata a quella degli altri concorrenti.

Winrent e l’azienda di car sharing Car2go hanno immatricolato nel 2019 addirittura zero veicoli, segnando -100% cadauna.

Ci sono sono però da segnalare due note positive. Una è un’azienda di piccole dimensioni, l’altra è una realtà che ormai entra a far parte di diritto dei big players di settore. Nel primo caso, parliamo di Noleggiare che passa da 968 a 1435 veicoli immatricolati segnando un notevole balzo in avanti con un +48,3%.

Nel secondo caso, parliamo invece di Locauto che passa da 4862 veicoli a 5714 veicoli, segnando un +17,5%, in controtendenza con gli altri big e divenendo di fatto il terzo players a livello nazionale dietro solo a Avis ed Hertz. Locauto già nell’arco di tutto il 2018 aveva fatto registrare una crescita complessiva del 31,1% delle immatricolazioni.

Lascia un commento