Le foreste europee al collasso tra l’eccessiva richiesta di legname e la perdita di biomassa

0
217

Negli ultimi anni l’Europa ha perso una grande area forestale a causa della raccolta di legname, riducendo la capacità di assorbimento di carbonio del continente e forse indicando problemi più ampi. Molte foreste dell’UE, che rappresentano circa il 38% della superficie terrestre, sono gestite per la produzione di legname, ma la perdita di biomassa è aumentata del 69% nel periodo che va dal 2016 al 2018.

Si prevede che l’area raccolta arriverà ad essere meno del 10% a causa dei cicli di coltivazione e semina. Secondo Guido Ceccherini del Centro comune di ricerca dell’UE, autore principale dello studio, risulta probabile che altri fattori siano in gioco e potrebbero includere un aumento della domanda di legno come combustibile e mercati più grandi per legname e altri prodotti.

I dati satellitari potrebbero quindi essere un indicatore precoce di richieste insostenibili poste nelle foreste dell’UE. La perdita di biomassa forestale è più pronunciata in Svezia, con una percentuale del 29%, mentre in Finlandia si registra il 22%. Molto meno colpiti sono stati Polonia, Spagna, Lettonia, Portogallo ed Estonia, che hanno rappresentato congiuntamente circa il 30% dell’aumento nei 26 paesi studiati.

L’aumento della domanda di legname e prodotti in legno, come la carta, e una maggiore combustione di biomassa possono essere alla base del rapido aumento della raccolta osservato nei paesi nordici. In tal caso, secondo i ricercatori, è importante sapere i possibili impatti negativi. Il prof. Thomas Crowther, fondatore di Crowther Lab, che non era coinvolto nella ricerca, ha dichiarato: “È preoccupante vedere che la crescente domanda di prodotti forestali potrebbe ridurre il carbonio immagazzinato all’interno della biomassa vivente nelle foreste europee. Probabilmente è più preoccupante che la rimozione delle foreste possa anche minacciare lo stoccaggio di carbonio sottoterra. Queste foreste ad alta latitudine supportano alcune delle più grandi riserve di carbonio del suolo sulla terra. Se il disboscamento delle foreste minaccia l’integrità degli stoccaggi di carbonio nel suolo ad alta latitudine, gli impatti climatici potrebbero essere più forti del previsto. “

 

Lascia un commento